Mariia e Vitalij si sono detti si in Regno Unito dove hanno trovato rifugio la scorsa primavera

Marija E Vitalij sposi fra le foto dei parenti rimasti in Ucraina
Marija E Vitalij sposi fra le foto dei parenti rimasti in Ucraina

Due rifugiati ucraini scappati dalla guerra si sposano circondati dalle foto di parenti e amici assenti: Mariia, 23 anni, e Vitalij, 27, si sono detti si in Regno Unito dove hanno trovato rifugio la scorsa primavera. E i cari che non hanno potuto essere al loro si loro li hanno “invitati” e fatti essere presenti, in un certo senso, poggiando una foto di loro si ciascuna delle sedie della sala dove si sono sposati.

Si sposano circondati dalle foto di parenti

La cerimonia nuziale con quel commovente espediente per aver l’illusione di una famiglia accanto nel momento più bello è avvenuta all’interno di Hedsor House nel Buckinghamshire, in Inghilterra. La coppia di sposini ha riempito la sala di sedie, poggiando poi su ciascuna di esse la foto di un parente o di un amico assente. E la sala era adornata con fiori di girasole, il simbolo dell’identità nazionale ucraina. Le mamme dei due c’erano, ma i papà no, loro sono a combattere contro i russi. Il si dei due è arrivato, come spiegano i media, dopo un fidanzamento iniziato quando erano ancora giovanissimi.

Le nozze in Ucraina, la guerra e la fuga

Le nozze erano in programma in Ucraina a giugno ma poi era arrivata la guerra e Mariia era fuggita dopo aver attraversato la Polonia per raggiungere Vitalij nel Regno Unito dove viveva già da diverso tempo e lavorava a Londra. Ha spiegato il giovane: “Non credevo che ci sarebbe stata una guerra, nessuno ci credeva, invece è iniziata. C’è stato un grande aiuto da parte del popolo polacco, davvero un grande aiuto qui Mariia ha iniziato a lavorare come donna delle pulizie a casa di Hamish Shephard, fondatore di Bridebook, una delle principali app per la pianificazione di matrimoni”.