Mario Balotelli: "Il Milan è il Milan, ma contro l'Inter non ho niente"

Mario Balotelli (AP Photo/Claude Paris)

Intervistato dal Corriere dello Sport, l’attaccante del Brescia Mario Balotelli ha rilasciato alcune dichiarazioni sul suo passato e sul rapporto con ex compagni e società.

“Il ritorno di Ibrahimovic in rossonero? Non me l’aspettavo. E non l’ho sentito. Ci siamo visti prima della partita col Milan quando sono andato in albergo a salutare la squadra. Il Milan l’ho sempre nel cuore? Il Milan è il Milan. Ma al tempo stesso non ho alcun problema con l’Inter, non io almeno. L’Inter mi ha dato tanto, tutto è partito da lì, il settore giovanile, Mancini, la gente".

VIDEO - Mario Balotelli ironizza sulla censura

Continua poi, spendendo parole al miele per i calciatori di Juventus e Inter: “Il calcio è la mia vita. Agli altri non sembra che sia così? Non ho mai cercato di convincere nessuno. Mi piace Lukaku, chi dice che non è veloce ne capisce poco. Ma è Lautaro che mi ha impressionato. Un altro fortissimo è Higuain, però se devo fare un nome dico Dybala, io sono un Dybala fan, è un giocatore pazzesco"

Super Mario ha parlato anche quel suo compagno di squadra Sandro Tonali. Queste le sue dichiarazioni: "Ha margini di miglioramento abissali. L’hanno paragonato a Pirlo, gli somigliava solo nei capelli. Sandro mi ricorda Gerrard e Lampard, e se il mio allenatore non si arrabbia dico che per me il suo ruolo ideale è dietro le punte. Sandro sa coprire tutto il campo, ma aggiungerebbe tanta qualità se spostato più avanti".

SFOGLIA LA GALLERY: Mario Balotelli: perchè sempre tu?

VIDEO - Chi è Sandro Tonali?