Draghi scocciato non casca nel giochino di Salvini

Pietro Salvatori
·Giornalista politico, Huffpost
·2 minuto per la lettura
Salvini/Draghi (Photo: ansa)
Salvini/Draghi (Photo: ansa)

Il coprifuoco rimarrà alle 22, almeno fino alla fine di maggio, poi si vedrà. Non passa la linea della Lega che all’ultimo momento ha alzato il tiro, chiedendo l’allungamento della serrata notturna alle 23 e l’apertura dei locali di ristorazione anche all’interno. Una pretesa chee ha richiesto un vertice in extremis prima del Consiglio dei ministri che ha varato il nuovo decreto, durante il quale la delegazione del Carroccio ha squadernato le proprie richieste, gelata da un premier che raccontano come profondamente irritato: “Non capisco, abbiamo concordato insieme le misure, questo atteggiamento è incomprensibile”.

Contrari anche Roberto Speranza, suffragato da un parere in questa direzione del Comitato tecnico scientifico, che ha voluto evitare in tutti i modi misure che potessero incentivare assembramenti serali con l’arrivo della bella stagione, sulla linea della prudenza anche Dario Franceschini. Ma è stato soprattutto il parere di Mario Draghi a orientare la scelta. Quando nel primo pomeriggio soffiava già un vento strano da via Bellerio, dal suo entourage arrivava un secco “No” in risposta alla domanda se l’orario sarebbe stato rivisto. Decisione poi confermata dalla riunione dei ministri, alla quale la Lega ha reagito con un atto ostile: “Non votiamo il testo così com’è”.

A nulla è servita il lungo vertice preparatorio dei ministri per cercare di trovare una quadra, che ha fatto slittare il Cdm di quasi un’ora e che ha visto la tensione salire alle stelle. “Draghi è profondamente irritato”, dice chi ha consuetudine con il presidente del Consiglio, considerando quello del Carroccio un vero e proprio voltafaccia, dopo che molte delle richieste delle camicie verdi sulle riaperture erano state accolte e dopo una cabina di regia (la settimana scorsa) che aveva dato l’ok alle misure con il sonsens...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.