Mario Draghi fa il pieno. Rousseau dà il via libera all'ingresso del M5s nel governo

·2 minuto per la lettura

AGI - I sì per l'appoggio al governo di Mario Draghi sulla piattaforma Rousseau sono stati 44.167, con una percentuale del 59,3 per cento. I voti contrari sono stati 30.360 contrari 40,7 per cento.

È stato il notaio Valerio Tacchini a fornire l'esito del voto online degli iscritti del Movimento cinque stelle alla piattaforma Rousseau che oggi, dalle 10 alle 19 si sono espressi sul via libera al nuovo esecutivo guidato da Draghi.

Gli aventi diritto al voto erano 119.570, e i voti espressi sono stati 74.537. Le preferenze espresse all'ora sono state 9.317. Il notaio ha fornito un raffronto con le due votazioni precedenti, per il Conte 1 e il Conte 2, quando si registrò un numero inferiore di votanti allora: "su dieci ore di votazione nel 2018 l'affluenza fu di 4.480 votanti all'ora. Per il Conte 2 fu di 8.848 in 9 ore".

"Oggi i nostri iscritti hanno dimostrato ancora una volta grande maturità, lealtà verso le istituzioni e senso di appartenenza al Paese" ha scritto Luigi Di Maio su Facebook al termine del voto, "In uno dei momenti più drammatici della nostra storia recente, il MoVimento 5 Stelle sceglie la strada del coraggio e della partecipazione, ma soprattutto sceglie la via europea, sceglie un insieme di valori e diritti di cui tutti noi beneficiamo ogni giorno e dietro ai quali, purtroppo non di rado, si nascondono egoismi e personalismi"

"La fedeltà alla Nazione, oggi, si è mostrata più forte della propaganda", continua il ministro degli esteri. "Questo è il M5S. Questo è il Movimento che riconosco e in cui ho scelto di spendere tutto me stesso. Voglio ringraziare ogni singolo attivista e iscritto alla piattaforma Rousseau che ha espresso il proprio voto. L'intelligenza collettiva ha prevalso sul singolo e ha mostrato nuovamente la sua forza, una forza buona e adulta, che deve spronarci a fare meglio, ancora di più, per la nostra Italia. La legalità, la giustizia, lo stop ai privilegi, la protezione dell'ambiente, lo sviluppo sostenibile, l'acqua pubblica e molto altro", conclude.