Marisa Rodano: Repubblica non sta molto bene, troppo individualismo

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 1 giu. (askanews) - Marisa Rodano, 100 anni compiuti lo scorso 21 gennaio, la Repubblica l'ha aiutata a nascere finendo anche in carcere, nel maggio del 1943, per attività contro il fascismo. E l'ha seguita passo passo, in una lunga militanza politica - deputata e senatrice del Pci, prima donna vice presidente della Camera, europarlamentare - attraverso un cammino non sempre facile e di certo non compiuto. Marisa Rodano ha visto nascere anche il movimento delle donne in Italia, è stata tra le fondatrici dell'Unione donne italiane, ne ha promosso le battaglie e sostenuto le conquiste. Ma la parità uomo-donna in Italia è lontana e quest'anno la festa del 2 giugno cade in un momento, dopo la pandemia, di non poche difficoltà. In questa intervista ad Askanews l'onorevole Rodano fa un'analisi del presente, ricorda il passato e lancia un messaggio - ai giovani anzitutto - per il futuro.

D: Onorevole Rodano come sta la Repubblica italiana?

R: "Secondo me non sta molto bene, mi sembra che manchi un progetto, un'idea di futuro, un'idea del ruolo che debba svolgere l'Italia e, con l'Italia, l'Europa".

D: Il Piano nazionale di ripresa e resilienza può rappresentare una rinascita per l'Italia?

R: "Non so se basta".

D: Perché è così difficile fare le riforme?

R: "Manca una qualche direzione politica, si ha l'impressione che i politici pensino più alla propria collocazione che a un progetto condiviso per il paese".

D: C'è un politico oggi in cui ha fiducia?

R: "Io mi fido del presidente Sergio Mattarella e un po' del premier Mario Draghi che è capace, ha competenze e sa quel che vuole".

D: Qual è il ricordo più bello della sua lunga militanza politica?

R: "Probabilmente sono i momenti in cui abbiamo raggiunto delle conquiste importanti per le donne: il riconoscimento del diritto di voto di cui quest'anno cade il 76esimo anniversario, poi la possibilità di essere elette e, ancora, la tutela delle lavoratrici madri, il nuovo diritto di famiglia".

D: Quali sono le figure politiche che sono state un riferimento per lei e con cui ha avuto uno scambio più interessante?

R: "Con Moro e con Berlinguer".

D: A che punto siamo secondo lei in Italia sulla parità di genere?

R: "La parità è ancora puramente formale, purtroppo. Per le donne è ancora difficile svolgere un ruolo nella vita politica, sociale e professionale e culturale perché manca tutto quel complesso di servizi e di provvidenze sociali che possono consentire alle donne di avere un'attività senza rinunciare ad essere madri".

D: Lei ha avuto cinque figli: come ha fatto a conciliare la sua attività politica con la vita familiare?

R: "Mi ha aiutato molto mio marito perché lui lavorava in casa e quando io ero in giro per fare attività politica si occupava dei bambini".

D: Oggi in Italia l'unica forza politica guidata da una donna, Giorgia Meloni, è Fratelli d'Italia, un partito di destra con posizioni anti-europeiste, cosa ne pensa?

R: "Vorrei che le donne fossero schierate in modo migliore, che fossero schierate per il progresso non per la retrocessione".

D: Come si salva l'Italia?

R: Con un progetto concreto di sviluppo e di rilancio del Paese nel quale i giovani possano avere un ruolo".

D: Quale messaggio vuole dare a loro?

R: "Di studiare, di pensare non alla propria posizione individuale ma alla posizione collettiva e quindi al Paese, di uscire dall'individualismo e di avere un impegno sociale e politico serio, concreto".

(Servizio di Veronica Passeri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli