Mariupol, "oltre 200 civili ancora intrappolati dentro Azovstal"

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Sono oltre 200 i civili ancora intrappolati nell’impianto di Azovstal, a Mariupol. A dichiararlo è stato il sindaco della città, Vadym Boychenko. Un certo numero di civili è stato evacuato dall’impianto domenica. Onu e Croce Rossa sperano di riuscire a fare uscire altre persone oggi. Secondo il sindaco della città sono oltre 100mila i civili ancora presenti a Mariupol, sotto assedio delle forze russe da settimane.

Come riferito dal consiglio municipale della città oggi verrà aperto un nuovo corridoio umanitario. E' attesa per questa mattina la ripresa delle operazioni di evacuazione dei civili da Mariupol.

Il processo di evacuazione dei civili dall'acciaieria Azovstal di Mariupol, ha spiegato il sindaco Vadym Boichenko, "è molto difficile" e dipende dalla cooperazione delle forze russe. "Abbiamo tirato fuori oltre 100 persone dai rifugi anti bomba e si stanno dirigendo verso il territorio controllato dall'Ucraina. Stiamo aspettando che le truppe russe ci permettano di farlo", ha detto ieri il sindaco alla Tv ucraina, riferendosi alle persone uscite domenica da Azovstal, riferisce la Cnn.

"Il processo di evacuazione sta avvenendo a livello molto alto, con la partecipazione del presidente ucraino Volodymyr Zelensky e la vice premier Iryna Vereshchuk. Voglio sottolinearlo, è molto difficile", ha proseguito il sindaco. Per quanto riguarda i militari asserragliati nell'impianto, la loro evacuazione "è una procedura separata con un processo di negoziato separato".

Boichenko ha anche affermato che chi lascia Mariupol deve sottoporsi alle "umilianti procedure" dei cosiddetti centri di 'filtraggio'. "In media la gente aspetta un mese per questo filtraggio umiliante. Vediamo un calo del flusso della gente che arriva in Ucraina. Il motivo è che i russi creano motivi per impedirglielo". Secondo le sue accuse, in questi centri "gli uomini sono messi in detenzione e torturati. La gente viene tenuta senza cibo per due giorni o più, costretta a dormire in piedi".

Ieri sera intanto lo stabilimento Azovstal è stato nuovamente attaccato dalle forze russe ed è scoppiato un incendio in seguito al bombardamento. A riferirlo 'Ukrainska Pravda' sottolineando che i membri del battaglione Azov sarebbero ancora vivi ma vengono bombardati sia dall'artiglieria che dagli aerei.

Nuove esplosioni sono state registrate nella notte nella città russa di Belgorod, al confine con l'Ucraina. Lo hanno riferito le agenzie di stampa di Mosca, secondo cui sarebbero state avvertite esplosioni di 'media potenza', ma al momento non si parla di danni o vittime.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli