Mariupol, via da città e Azovstal 500 civili: acciaieria sotto attacco

(Adnkronos) - "Sono stati portati via dall'acciaieria Azovstal e da Mariupol quasi 500 altri civili". Lo ha scritto su Telegram Andrii Yermak, capo dell'ufficio presidente ucraino Volodymyr Zelensky. L'impianto dell'Azovstal, dove sono asserragliati i combattenti ucraini del Battaglione Azov insieme ad alcuni civili, è nuovamente sotto attacco russo. Sui social vengono diffuse diverse immagini di lunghe colonne di fumo che si alzano dall'acciaieria della città portuale nel sud dell'Ucraina a causa di esplosioni e bombardamenti. Intanto è prevista per le 12 di oggi, ora locale, una nuova operazione per l'evacuazione dei civili della città, come ha scritto su Telegram la vice premier Iryna Vereshchuk.

E' intanto corso la "fase successiva" per il trasferimento dei civili ucraini dall'impianto, riporta la Cnn che cita Andriy Yermak, capo dell'ufficio del presidente ucraino dopo le notizie sui 500 evacuati. Secondo la Cnn si tratterebbe di un dato a partire da domenica scorsa. Mercoledì più di 300 persone sono arrivate a Zaporizhzhia dalla zona di Mariupol. "L'Ucraina continuerà a fare di tutto per salvare tutti i civili e i militari", ha promesso Yermak, ringraziando l'Onu.

Kiev denuncia quindi bombardamenti delle forze russe nella notte contro due distretti della regione di Dnipropetrovsk. "Notte senza tregua. Gli occupanti russi hanno bombardato i distretti di Kryvyi Rih e Synelnykove - ha denunciato via Telegram il governatore Valentyn Reznichenko, secondo quanto riporta Ukrinform -. Le comunità di Zelenodolsk e Shyroke sono state colpite con i Grad". Non vengono segnalate vittime.

"Ieri sera i russi intendevano colpire lo stabilimento chimico. Però hanno colpito la stazione di servizio e la strada ferroviaria dello stabilimento di Severodonetsk. Si sono incendiati i binari e l'erba su un terreno di 400 m quadrati". Lo scrive su Telegram Serhii Haidai, governatore della regione di Luhansk, precisando che "vicino c'erano delle cisterne con varie sostanze chimiche. Per fortuna i vigili di fuoco sono riusciti ad estinguere l'incendio".

"Inoltre - aggiunge - i russi stanno attaccando in maniera più massiccia le zone residenziali. A Severodonetsk sono stati danneggiati 12 grattacieli, una stazione elettrica, vari negozi. Ci sono stati due morti. Tantissimi danni a Rubizhne, Lysychansk, Novodruzhevsk, Orihove, Hirske e Popasna".

Le forze armate russe hanno intanto colpito e distrutto un deposito di munizioni dell'esercito ucraino a Kramatorsk, nell'Ucraina orientale. Lo rende noto il ministero della Difesa di Mosca parlando di un attacco missilistico e rivendicando l'abbattimento di due aerei da guerra ucraini, un Su-25 e un MiG-29, nella regione orientale di Luhansk.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli