Marmolada, crolla enorme seracco di ghiaccio: almeno nove morti

Marmolada, crolla enorme seracco di ghiaccio: almeno sei morti (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico/Handout via REUTERS ATTENTION EDITORS - THIS IMAGE HAS BEEN SUPPLIED BY A THIRD PARTY. DO NOT OBSCURE LOGO)
Marmolada, crolla enorme seracco di ghiaccio: almeno sei morti (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico/Handout via REUTERS ATTENTION EDITORS - THIS IMAGE HAS BEEN SUPPLIED BY A THIRD PARTY. DO NOT OBSCURE LOGO)

E' di nove morti, sette feriti, di cui due gravi, e tre dispersi il bilancio del crollo di un enorme seracco di ghiaccio sulla Marmolada. Il distacco è avvenuto intorno all'ora di pranzo nei pressi di Punta Rocca: una valanga di ghiaccio, neve e roccia che ha travolto chi si trovava sulla via normale per la vetta della Marmolada.

Sull'area della valanga non è attualmente operativo personale per l'elevato pericolo di ulteriori distacchi, informa la Provincia autonoma di Trento. Un equipaggio dei vigili del fuoco permanenti di Trento è stato portato sul ghiacciaio per proseguire le ricerche con i droni.

LEGGI ANCHE: Valanga Marmolada, Messner: "La montagna è sempre pericolo"

I soccorritori sperono ora in un abbassamento delle temperature di notte per poter riprendere lunedì mattina presto le ricerche di quello che gli inquirenti hanno definito "un disastro inimmaginabile, una carneficina tale che solo difficilmente permetterà di identificare con esattezza l'identità delle vittime perché i corpi sono stati smembrati" dalla colata di ghiaccio e sassi

VIDEO - Marmolada, si stacca un blocco di ghiaccio: morti, feriti e dispersi

Emanate intanto ordinanze di divieto d accesso e percorrenza dell'area interessata dalla valanga congiuntamente dai Comuni di Canazei e Rocca Pietore, fino a quando non sarà accertata la natura del distacco con gli opportuni rilievi glaciologici e geologici.

Proprio ieri sulla Marmolada era stato raggiunto il record delle temperature, con circa 10 gradi in vetta. A questo proposito il il presidente della Provincia di Belluno, Roberto Padrin, ha affermato: "Il cambiamento climatico, con temperature che negli ultimi giorni hanno raggiunto i 10 gradi a 3mila metri è un nemico oscuro contro cui combattere. In montagna stiamo purtroppo vedendo gli effetti più disastrosi".

La procura di Trento ha aperto un fascicolo sul crollo: disastro colposo è il reato ipotizzato, al momento a carico di ignoti. Ad occuparsi delle indagini, con il procuratore Sandro Raimondi, è il pm Antonella Nazzaro.Soccorritore: "Mai visto una cosa del genere"

"Non ho mai visto una cosa del genere in Marmolada. Non è la solita valanga invernale, grado due, grado tre: è la natura. Se volessimo fare un paragone con l'edilizia potremmo parlare di un cedimento strutturale". Lo ha detto all'Ansa uno dei soccorritori impegnati nel recupero delle vittime e dei feriti. "Lo zero termico è oltre i 4 mila metri - aggiunge - ed è chiaro che è una cosa metereologica che nemmeno la migliore delle guide può prevedere". Al momento ci sono ancora macchine nel parcheggio e spiega il soccorritore "dobbiamo capre se manca ancora qualcuno".

Testimone: "Un boato, poi valanga neve e ghiaccio"

"Abbiamo sentito un rumore forte, tipico di una frana, poi abbiamo visto scendere a forte velocità a valle una specie di valanga composta da neve e ghiaccio e da lì ho capito che qualcosa di grave era successo. Col binocolo da qui si vede la rottura del seracco, è probabile che si stacchi ancora qualcosa". Lo ha detto l'ANSA uno dei responsabili del Rifugio Castiglioni Marmolada, testimone del crollo.

Draghi: "Profondo cordoglio per le vittime"

"Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, esprime il più profondo cordoglio per le vittime del terribile crollo sulla Marmolada. Il Governo è vicino alle loro famiglie e a tutti i feriti. Il Presidente Draghi è costantemente informato sull'andamento dei soccorsi dal Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, dal Presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, dal soccorso alpino, dai vigili del fuoco, dalle autorità locali, che ringrazia per il loro incessante lavoro". Lo rende noto Palazzo Chigi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli