Marocco, HRW denuncia "campagna repressione" su social network

Dmo

Roma, 5 feb. (askanews) - Le autorità del Marocco hanno arrestato da settembre 2019 almeno 10 attivisti, artisti o semplici cittadini che "non hanno fatto altro che esprimere pacificamente opinioni critiche" sui social network. E' la denuncia di Human Rights Watch (HRW).

Gli arrestati sono accusati "di aver mancato di rispetto al re", di "offesa alle istituzioni dello Stato" e "oltraggio a funzionari pubblici", scrivono HRW e l'Associazione marocchina dei diritti umani (AMDH) in un comunicato congiunto in cui chiedono di "liberare immediatamente" i fermati e di far cadere le accuse, che sono state mosse in base al codice penale e non su quello "che regola stampa ed editoria". (Segue)