Maroni: Marantelli (Pd), 'amicizia speciale, con lui se ne va una politica che non tornerà più'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 25 nov. (Adnkronos) – "La perdita di un amico lascia sempre lacerazioni profonde. La scomparsa di una persona speciale come Roberto Maroni per me segna lo spartiacque con una politica che non tornerà più". Così Daniele Marantelli, ex-parlamentare Pd varesino.

"Quando due persone 'si prendono' non è mai facile trovarne, razionalmente, le ragioni. L’onestà, il coraggio, la fantasia, l’ironia, il comune tifo per il Milan, il sogno di un’Italia federale in un’Europa federale, il rimpianto di dover sacrificare i propri cari a causa degli impegni politici? Non saprei. Forse un po’ tutto ciò ha contribuito a cementare un’amicizia che è durata decenni e che niente e nessuno ha mai potuto e saputo incrinare. Non i dissensi politici tra noi, che pure ci sono stati, e nemmeno le rozze critiche che ho ricevuto dal mio schieramento a causa del nostro rapporto personale".

"Qualche settimana fa sono stato a casa sua. (…) Ci siamo detti tante cose in quel sabato mattina. Sulla politica e sul calcio. Sul resto non c’era bisogno di parole. Bastavano gli sguardi. Mi convinse ad andare ad Atene a vedere la finale di Champions League tra Milan e Liverpool. Portammo con noi i nostri figli. Milanisti anche loro. Il Milan vinse 2 a 1. Tornammo ubriachi di felicità. Ciao Bobo. Ti ho voluto bene. Grazie per la tua amicizia. Mi mancherai. I tuoi figli, sono sicuro, saranno degni del loro papà. Non lasceranno sola la tua Emi".