Marriott, è morto l’ad Arne Sorenson dopo una lunga malattia

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

New York, 16 feb. (askanews) - Arne Sorenson, presidente e amministratore delegato di Marriott International, è morto dopo una lunga battaglia contro un cancro al pancreas. Lo ha reso noto la catena di hotel. Sorenson aveva 62 anni.

Nel maggio 2019 la società aveva annunciato che a Sorenson era stato diagnosticato un cancro e il 2 febbraio è stato pubblicato un comunicato in cui si leggeva che il manager avrebbe ridotto i suoi impegni per terapie più impegnative.

Sorenson nel 2012 è diventato il terzo Ceo nella storia del gruppo alberghiero ed è stato il primo a non portare il cognome Marriott. Durante il suo mandato aveva avviato la società su una solida traiettoria di crescita con l'acquisizione della catena di Starwood Hotels & Resorts.

"Arne era un dirigente eccezionale ma, soprattutto, era un essere umano eccezionale. Aveva una straordinaria capacità di anticipare la direzione nel settore dell'ospitalità", ha detto J.W. Marriott Jr., presidente esecutivo della società.