Martina, il cancro e la sua battaglia: "Covid non blocchi ospedali"

Annalisa Cretella
·2 minuto per la lettura

AGI - Il nuovo volto della campagna di sensibilizzazione contro il Covid, della Regione Lombardia, sarà quello di Martina Luoni, la 26 enne di Solaro (Milano) diventata popolare sui social dopo un video appello per chiedere a tutti a fare molta attenzione, altrimenti saltano negli ospedali i controlli e le visite per altre patologie a causa del Covid.

L'appello di Martina 'dobbiamo darci da fare per uscire da questa situazione"

E lei, malata oncologica ne sa qualcosa. Dopo il suo appello in tanti si sono fatti avanti per aiutarla. Tra questi, anche il presidente della Campania Vincenzo de Luca che le ha proposto di fare l'intervento a Napoli. Lei oggi, ringrazia pubblicamente, il governatore e tutti quelli che la stanno sostenendo, ma precisa che le sue parole volevano essere un richiamo al senso civico, un messaggio per tutti, e cioè, facciamo attenzione perché il Covid intasa gli ospedali e molti altri malati rischiano di dover aspettare per curarsi con conseguenze gravi.

Aspetto la conferma per l'intervento i miei medici sono fantastici

Quanto a lei, spiega "Non ho mai detto che mi è stato annullato l'intervento, ho detto solo che sono in attesa ancora della fattibilità dell'intervento. E sono sicura che nel momento in cui ci sarà, se ci sarà l'ok, i miei chirurghi troveranno il modo di non lasciarmi sola. Non lo hanno mai fatto e non lo faranno adesso". "Io - aggiunge  - ho una squadra molto solida alle spalle ma aiutiamo tutti quanti, perché se gli ospedali sono in sofferenza tutti quanti dobbiamo metterci una mano sulla coscienza".

Con il suo sorriso sarà la nuova testimonial della campagna della Lombardia

Parole sensate quelle della giovane Martina, alla quale tre anni fa è stato diagnosticato un cancro al colon metastatico, condivise anche dal presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana. Ieri si sono parlati e il governatore le ha chiesto di essere il nuovo volto della campagna lanciata dal Pirellone, che ha avuto come primo testimonial Zlatan Ibrahimovic. E lei ha "subito accettato, si è detta disponibile e ha spiegato quale voleva essere il suo messaggio". A ringraziarla, su Instagram per la sua testimonianza anche l'assessore al welfare della Lombardia Giulio Gallera che sottolinea come in Lombardia gli interventi oncologici non si siano mai bloccati. "E ne sono felice - dice lei - ma nessun ospedale doveva andare in sofferenza, perché questa seconda ondata era già previsa. Di casi come il mio ce ne sono tanti". E conclude ribadendo "La situazione è grave ma non possiamo far spegnere la sanità per il Covid".