Martina Trevisan: "Mangiavo solo una manciata di bacche, pesavo 46 kg. Detestavo le mie gambone da atleta"

Silvia Renda
·Collaboratrice Social News
·1 minuto per la lettura
(Photo: Clive Brunskill via Getty Images)
(Photo: Clive Brunskill via Getty Images)

“Detestavo le mie gambone da atleta, le odiavo”. Martina Trevisan è tra le tenniste italiane più forti. In un’intervista al Corriere della sera racconta la metamorfosi subita dalla sua vita, dopo aver lottato contro l’anoressia. Lei, che per un periodo si è nutrita solo mangiando una manciata di bacche al giorno, spera che a nessuno tocchi adesso attraversare ciò che ha passato lei.

“Dentro di me avevo un tarlo.Stavo male e non capivo perché. Soprattutto, avevo paura a dirlo. Sentivo di non essere più in grado di gestire quel che mi girava intorno. Le pressioni sul mio rendimento, i problemi in famiglia. A ripensarci ora, avrei dovuto fermarmi e scendere: forse non mi sarei ammalata. Ma andava tutto così veloce, e io era una adolescente. Che all’improvviso si è sentita schiacciata da un peso enorme. Che non è andato via neanche quando ho deciso di smettere”

Era arrivata a pesare solo 46 chili, quando ha capito di avere bisogno dell’aiuto di una psicologa. La 26enne fiorentina sottolinea adesso quanto quell’intervento sia risulotato salvifico per lei.

“Credo sia questa la cosa più importante. Riconoscere di non farcela da sola. Ho avuto la fortuna di trovare una persona che mi ha sorretto ogni volta che pensavo di non farcela”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.