"Massima prudenza nelle riaperture". I consigli del Cts a Draghi

Luciana Matarese
·Giornalista
·2 minuto per la lettura
Silvio Brusaferro e Franco Locatelli (Photo: Ansa)
Silvio Brusaferro e Franco Locatelli (Photo: Ansa)

Massima prudenza nelle riaperture. Rispetto estremo delle regole anti contagio e necessità di inasprire le misure di mitigazione dove serve, per spegnere i focolai sui territori. Queste le linee guida tracciate dal Comitato tecnico scientifico nella riunione di oggi pomeriggio, ben rimarcate nel verbale di fine seduta inviato al Presidente del Consiglio, Mario Draghi, che in serata ha incontrato, con i ministri della Salute Roberto Speranza, agli Affari regionali, Maria Stella Gelmini, e all’Economia, Daniele Franco, e i ministri capo delegazione dei partiti di maggioranza, il presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, e il coordinatore del Cts, Agostino Miozzo.

Al premier gli scienziati e il tecnico hanno rappresentato la loro preoccupazione per il nuovo innalzamento della curva del contagio, tema sul quale durante la riunione del Cts è intervenuto il matematico epidemiologo della Fondazione Kessler, Stefano Merler che si è soffermato soprattutto sul rischio legato alla circolazione, sempre più sostenuta delle varianti. Quella inglese in particolare, che ha un aumento di trasmissibilità dal 36 al 68% e che potrebbe diventare prevalente già nel mese di marzo. Di qui l’attenzione necessaria da porre alla base delle valutazioni da fare in vista del nuovo Dpcm, che il governo vuole preparare prima della scadenza, fissata al 5 marzo, del testo attualmente in vigore. E del quale il Cts ha suggerito di confermare l’impianto.

Proprio la preoccupazione per il peggioramento dello scenario e la necessità di scongiurare il rischio di imprimere con eventuali allentamenti delle restrizioni nuova forza alla corsa del virus, ha portato scienziati e tecnici - che domani, mercoledì 24 febbraio, incontreranno il ministro della Cultura Dario Franceschini per ragionare sull’ipotesi eventuale di riape...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.