Massimo Antonelli (Cts): "Curiamo molti negazionisti, all'uscita si scusano"

Carlo Renda
·Vicedirettore HuffPost
·1 minuto per la lettura
Il professor Massimo Antonelli (Photo: screenshot from youtube)
Il professor Massimo Antonelli (Photo: screenshot from youtube)

“Il dibattito sul sì a veglioni e cene di Natale? Per me, per tutti i colleghi, è intollerabile, pur condividendo le ansie degli operatori che vedono sfumare altre opportunità economiche. In Italia le vittime del Covid sono state circa 52mila. Ogni giorno qui ne vediamo andar via almeno 70. E c’è chi non vuole rinunciare, per una sola volta nelle vita, a occasioni superflue”. Lo dice Massimo Antonelli, direttore della terapia intensiva del Policlinico Gemelli, componente del Cts l Corriere della Sera.

“La frustrazione più grande? Non poter essere visto da chi ci guarda dal letto, ed è solo. Dover comunicare soltanto con gli occhi. I nostri morti meritano rispetto. Che senso avrebbe un Natale come se niente fosse o andare sulla neve? Tante persone tendono a porre l’accento sugli aspetti economici e le difficoltà degli esercizi commerciali. Comprendo. Tante altre invece perdono inconsciamente la percezione di una situazione drammatica. I negazionisti? Ne abbiamo curati tanti al Gemelli. Una volta fuori, si sono scusati. Professore, le prometto che farò di tutto per aiutarvi”.

Antonelli è d’accordo quindi con le restrizioni. “E come non potrei? I numeri parlano. Oltre alla mortalità, l’incidenza dei nuovi casi resta alta, siamo oltre 320 su 100 mila abitanti. Alcune regioni superano i 700-800 casi al giorno. È vero la curva rallenta, l’Rt è sceso sotto l’unità. Però...allentare significa andare incontro a una terza ondata. Non è un rischio. È una certezza”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.