Massimo Galli esclude allerta per Vaiolo delle scimmie

vaiolo scimmie galli
vaiolo scimmie galli

L’infettivologo Massimo Galli ha parlato della crescente emergenza per il vaiolo delle scimmie e ha commentato le scelte dell’Oms.

Crescono i casi per il vaiolo delle scimmie

Non è ancora stato sconfitto definitivamente il Covid-19, e già una nuova minaccia epidemiologica si prospetta all’orizzonte. I crescenti casi di contagio per il cosiddetto “vaiolo delle scimmie” preoccupano l’Organizzazione mondiale per la sanità (OMS), che pensa addirittura ad una possibile emergenza sanitaria internazionale.

Nello specifico, la paura è incrementata dopo che si sono registrati 92 nuovi casi di contagio in 12 Paesi nei quali il virus non è endemico.

Le parole di Massimo Galli sul vaiolo delle scimmie

Sull’argomento si è voluto sbilanciare anche il direttore del reparto di malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli, che ha commentato le preoccupazioni dell’OMS e la possibilità di vedersi di fronte ad un nuovo stato di emergenza:

«L’ipotesi dell’Organizzazione mondiale della Sanità credo sia un atto dovuto, fino a un ulteriore chiarimento della situazione. Non si può certo lasciar passare un fenomeno con queste caratteristiche senza lavorarci sopra, seppure non ci sono gli elementi di un allarme. […] Per poter rapidamente risolvere questo fenomeno, come tutti speriamo, bisogna gestire le cose al meglio e lo strumento dell’emergenza sanitaria serve anche per allertare i sistemi sanitari di tutti i Paesi».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli