Massimo Giletti contro Chef Rubio: “Ha scritto una stron****”

massimo giletti chef rubio

Non si placano le polemiche scaturite dalla morte di Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, i due poliziotti rimasti uccisi durante la sparatoria avvenuta davanti alla Questura di Trieste, in via Tor Bandena 6, nel pomeriggio di giovedì 4 Ottobre 2019. Ad ucciderli è stato un uomo ritenuto responsabile di una rapina avvenuta nella mattinata. L’omicida avrebbe sfilato la pistola ad un agente, mentre si trovava all’interno dell’edificio, per poi iniziare a sparare.

Tra i maggiori personaggi ad infuocare la situazione c’è sicuramente Chef Rubio. Il popolare volto televisivo ha scritto diversi post su Twitter in cui definiva “impreparati” gli agenti di Polizia. Questo uno dei messaggi social incriminati: “Inammissibile che un ladro riesca a disarmare un agente. Le colpe di questa ennesima tragedia evitabile risiedono nei vertici di un sistema stantio che manda a morire giovani impreparati fisicamente e psicologicamente. Io non mi sento sicuro in mano vostra”. Moltissime le reazioni suscitate da queste parole.

Massimo Giletti contro Chef Rubio

Ad alimentare le polemiche anche il conduttore di Non è l’Arena (programma in onda su La7), Massimo Giletti, il quale risponde a quanto detto da Chef Rubio. “Ha scritto la prima str****ta che gli è venuta in mente” ha detto Giletti all’inizio della trasmissione “Chi fa il lavoro dell’agente sa di mettere a rischio la propria vita senza avere un tornaconto. Quello che ho visto scrivere è orrendo. Chi scrive deve usare il cervello”.

Il conduttore prosegue in difesa dei due uomini rimasti uccisi: “In certi casi, caro Chef Rubio, è meglio evitare. Questi due ragazzi non li conoscevi. A loro due, e a tutti coloro che ogni giorno fanno il loro lavoro a cui tutti noi dobbiamo tanto, mandiamo un grazie”.