Massimo Melis: chi è l'uomo sospettato di averlo ucciso

·1 minuto per la lettura
luigi oste omicidio torino
luigi oste omicidio torino

Le autorità hanno arrestato Luigi Oste con l’accusa di essere l’autore dell’omicidio di Massimo Melis, operatore della Croce Verde ucciso con un colpo di pistola la notte di Halloween: chi è e quali sono le informazioni note sulla sua vita.

Luigi Oste accusato di omicidio di Torino: chi è

Divorziato con due figlie e impresario edile, da 13 anni Luigi lavorava nel bar L’Angelo Azzurro. Negli anni Novanta era stato in carcere per spaccio di stupefacenti e a giugno, dopo una lite per strada e un’aggressione agli agenti, era stato arrestato per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Nessuno avrebbe mai immaginato potesse essere accusato di omicidio tanto che un commerciante ha così raccontato: “Sapere ciò fa impressione, non ce lo aspettavamo proprio“.

Nessuno aveva collegato il fatto che il sessantaduenne pregiudicato di cui i giornali parlavano da giorni come sospettato per aver ucciso Melis fosse davvero lui. Qui ci si fa tutti i fatti propri e Gino se li faceva ancora di più, hanno dichiarato i conoscenti davanti al bar evidenziando dunque come più degli altri cercasse di capire cosa si sapesse sull’omicidio.

Luigi Oste accusato di omicidio di Torino, chi è: l’amore per Patrizia Cataldo

Nessuno immaginava nemmeno che avesse iniziato a fare la corte a Patrizia Cataldo dopo la morte della sua compagna avvenuta lo scorso anno. “Non passava giorno che lui non andasse al cimitero a farle visita, lo vedevamo che andava a comprare i fiori e poi tornava qui qualche ora dopo“, ha raccontato chi risiede nel suo quartiere.

Secondo le ipotesi Patrizia, l’amica di Massimo Melis, sarebbe apparsa agli occhi di Oste come un rivale d’amore e per questo potrebbe aver ucciso l’uomo. Le indagini si preannunciano però tutt’altro che facili, dato che l’arma non si trova e che l’arrestato non risponde.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli