Masso sulla statale 38 a Bormio: “Si è sfiorata la tragedia”

masso sulla statale 38 a Bormio

Nel pomeriggio di sabato 31 agosto 10mila ciclisti stavano per prendere parte all’evento “Enjoy The Stelvio Park”, la diciannovesima edizione della “Scalata Cima Coppi”. Per l’occasione è stata chiusa al traffico la salita al Passo dello Stelvio. Pochi minuti prima delle 15 è precipitato un enorme masso sulla statale 38 a Bormio. La roccia si è staccata dalla montagna, il peso eccessivo ha distrutto le reti metalliche di protezione ed è finita in strada. Tanta paura e grande spavento per i ciclisti che transitavano nella zona. Per fortuna, non si registrano gravi danni né persone ferite: i partecipanti alla “Scalata Cima Coppi” sono vivi per miracolo.

Masso sulla statale 38 a Bormio

Il masso è caduto nel tratto di statale che dista circa 6 km da Bormio e lungo il quale, nel corso della giornata, sono passati oltre 10.000 ciclisti. Grande pericolo per gli appassionati di ciclismo e danni anche per moto e auto, che hanno subito un po’ di disagi e rallentamenti una volta riavviata la circolazione.

“Ho partecipato all’evento, registrato con il numero 4225 dai contapersone della Us Bormiese, mi sono trovato a documentare l’accaduto solo grazie alla microcamera attivata in discesa per filmare la bellezza dello Stelvio senza traffico”. Queste le parole di Pietro Illarietti a Il Giorno. Quindi ha spiegato: “Io e gli altri ciclisti non ci siamo fermati a verificare meglio l’accaduto perché la situazione era alquanto pericolosa e incontrollabile“. A sua volta ha rassicurato: “Apparentemente nessuno ha riportato danni, ma si è sfiorata la tragedia“.