Mastella: "Al Sud Salvini non ce la farà"

webinfo@adnkronos.com

"Anche con questo 'tour del Sud' Salvini non riuscirà ad aumentare i consensi per la Lega in maniera esorbitante come al Nord. Se si andrà al voto, nei collegi maggioritari al Sud la Lega da sola non vincerà, vinceranno ancora Movimento 5 Stelle o Partito Democratico. Salvini potrà essere al massimo un figliastro del Sud, mai un figlio". Lo dice Clemente Mastella, leader dei Popolari-Udeur e sindaco di Benevento, contattato dall'Adnkronos per un commento sull'attuale crisi di governo. 

L'ex democristiano ridimensiona il successo del segretario della Lega: "Il vento oggi spira nella sua direzione, certo - dice - ma nel corso della mia carriera ho visto entrare nei conclavi della politica papi e uscirne cardinali dimezzati. Piuttosto, prima di un eventuale voto e prima della sfiducia al governo Conte, bisogna avviare una trattativa seria, che garantisca un orizzonte politico al centrodestra unito". Anche se Salvini dice che non vuole ritorni al passato? "E allora si escluda definitivamente questa possibilità - prosegue Mastella - ma si deve fare chiarezza, si valuti se ci sono o meno le condizioni affinché Forza Italia e Lega continuino a collaborare. Secondo me, queste condizioni ci sono ancora". 

Sulle indiscrezioni di stampa che parlano di dialoghi tra M5s e Pd, invece, il sindaco di Benevento non vuole commentare: "Non ho elementi per farlo, non ne so niente".  

Poi sull'eventuale ritorno al voto aggiunge: "Se Giuseppe Conte dovesse presentarsi al voto con una sua lista autonoma, presentandosi come figura super partes slegata dal Movimento 5 stelle, la vittoria della Lega potrebbe non essere più così scontata". Secondo Mastella, in questo anno a Palazzo Chigi il presidente del Consiglio è riuscito a ottenere credibilità e fiducia. "Con il prestigio guadagnato a livello europeo e con la sua dignità istituzionale - spiega -, Conte può diventare un punto di riferimento politico. Se scenderà in campo come figura super partes rappresenterebbe l'unica vera alternativa a Salvini. Slegarsi dal M5s gli farebbe recuperare consensi e voti".