Mastelloni contro Marattin e Richetti: "Ma chi vi vota?"

webinfo@adnkronos.com

Leopoldo Mastelloni contro Matteo Richetti e Luigi Marattin durante 'Non è l'Arena'. A scatenare l'ira del cantante, autore e attore è il dibattito in studio sulle pensioni. Al termine dell'intervento di Marattin, che con Italia Viva è a favore del taglio di quota 100, Mastelloni - titolare di una pensione da 900 euro - entra e sbotta: "Le parole di Marattin? Si sentirà il re del ca...volo. C'è modo e modo di parlare, se tu rispondi come uno allo stadio non puoi farlo, sei un politico. E poi devi essere eletto. Ma chi ti vota? Noi, i vecchi... ma puoi essere anche il più bello del Parlamento, non te votamo perché non puoi essere così tracotante. Non puoi ragionare in questo modo". Poi, incalzato da Massimo Giletti, Mastelloni passa all'attacco del senatore di Azione Richetti, presente in studio, "che pure lo vedo un po' afflitto, mi guarda come se fossi un povero vecchio rimbambito e patetico. C'è - spiega Mastelloni - una supponenza molto antipatica". 

"Noi - continua - prendiamo in minimissima parte i soldi che abbiamo dato allo Stato. E allora è giusto dare ai giovani, ma ci volete dare quello che ci avete rubato per 50 anni dal nostro lavoro? Dateci solo quello che abbiamo versato", chiede, per poi sbottare ancora: "Sto un po' incazzato...". "Qui nessuno porta via i soldi a nessuno", spiega Richetti, che invita a "un attimo di serietà". La replica di Mastelloni? "Lei è stato serissimo... sono io il buffone".