Masterchef 9, intervista ai finalisti: tra sogni e progetti futuri

masterchef9

Maria Teresa Ceglia, Marisa Maffeo e Davide Tonetti sono stati i tre finalisti di MasterChef 9, la cui vittoria è stata aggiudicata da Antonio Lorenzon. I tre finalisti dello show hanno comunque parlato positivamente della loro esperienza all’interno del programma confessando progetti, sogni e ciò che hanno imparato.

Maria Teresa Ceglia: mamma con la passione per la cucina

Maria Teresa, per quanto riguarda il suo futuro, ha dichiarato che continuerà a fare il suo lavoro e al momento sarebbe occupata a fare la mamma (ha da poco avuto un figlio). In merito ai suoi progetti futuri la concorrente ha affermato di voler lasciare le porte aperte, ma sempre protendendo verso la gastronomia. Maria Teresa stessa ha confessato che avrebbe dovuto vincere MasterChef 9 per la sua determinazione e per la sua tenacia.

La concorrente, durante la finale, ha avuto qualche difficoltà e in particolare con un ingrediente, ovvero l’astice.

Astice e pesce gatto non li inserirei mai nelle mie preparazioni quotidiane

Durante la finale lei e Davide hanno avuto un acceso scontro e durante il programma si è parlato molto anche di quanto l’umiltà sia fondamentale in una buona cucina. La tensione della finale, secondo Maria Teresa, sarebbe stata per lei “una centrifuga emotiva” e non ha nascosto di aver avuto paure e insicurezze.

La mamma ha parlato anche dei giudici definendoli dei “mostri sacri”, ma dal punto di vista umano si sarebbe sentita più in sintonia con lo chef Barbieri. Sugli altri concorrenti l’aspirante chef ha dichiarato che sarebbero stati tutti da lei molto stimati, e di essere felice per la vittoria di Antonio Lorenzon.

Davide Tonetti: tra viaggi e basse temperature

Il sogno di Davide Tonetti sarebbe presentare il suo mondo e il suo modo di cucinare, opportunità che purtroppo sarebbe sfumata per lui a MasterChef 9. In futuro vorrebbe occuparsi della bassa temperatura (tecnica gastronomica di cui sarebbe appassionato) e di voler viaggiare in giro per il mondo. A MasterChef 9 avrebbe capito di avere tutte le carte in regola per poter perseguire il proprio sogno, vista la sua grande passione per la cucina.

Durante la finale uno dei momenti più cruciali è stata la preparazione del dolce, dove lui e Maria Teresa hanno avuto qualche incomprensione. Il concorrente ha comunque difeso la collega, dichiarando che in quei momenti la tensione giocherebbe brutti scherzi:

Con la concitazione dei momenti e l’emotività certi atteggiamenti possono essere fraintesi da una e dall’altra parte, ma non ci sono momenti per pensarci a mente fredda. Tutti noi in finale volevamo vincere, e quindi magari saltano fuori le parti negative di noi stessi. Per me non c’è stata mancanza d’umiltà da parte dell’uno o dell’altro

Per Davide, il giudice con cui avrebbe avuto più affinità sarebbe stato lo chef Giorgio Locatelli, i cui rimproveri gli sarebbero serviti per imparare lezioni importanti.

Marisa Maffeo: i sogni e i progetti

A Marisa Maffeo piacerebbe aprire un ristorante nei pressi della città in cui vive, Parma, in mezzo alla natura. Lavorava come infermiera in un ospedale ma ha dichiarato che si sarebbe cancellata dall’albo per poter perseguire il proprio sogno, quello di diventare una cuoca.

Terrei a specificare che quando ho iniziato questo percorso ho lasciato il lavoro. Non sto praticando la professione perché ho deciso di dedicarmi a questo

Marisa ha dichiarato che avrebbe voluto vincere MasterChef 9 per dimostrare il suo amore e la sua dedizione per la cucina e la gastronomia.

A suo avviso le sarebbe mancata la lucidità per conquistare la vittoria a MasterChef 9.

Ci son stati dei passaggi sbagliati, non ho ragionato con lucidità e istinto come mio solito. Non ho avuto le idee chiare

A proposito del giudice con cui si sarebbe sentita più affine Marisa ha confessato che lo chef Antonino Cannavacciuolo sarebbe sicuramente per lei una fonte d’ispirazione, senza nulla togliere agli altri giudici del programma.