Masucci (Fit-Cisl Lazio): per molti lavoratori ancora no Cig

Bet

Roma, 15 giu. (askanews) - "Esprimiamo fortissima preoccupazione per i lavoratori degli appalti Ferroviarie per le loro famiglie: molte persone sul nostro territorio sono allo stremo, perch a causa dell'emergenza Coronavirus sono in cassa integrazione da mesi, ma non la percepiscono, a causa di ritardi nella sua erogazione. La situazione inaccettabile e deve sbloccarsi il prima possibile: le persone non possono e non riescono a tirar avanti cos a lungo senza alcuna forma di sostegno al reddito, si deve fare qualcosa al pi presto". E'quanto dichiara il Segretario Generale della Fit-Cisl del Lazio, Marino Masucci, aggiungendo che "l'emergenza cha abbiamo attraversato e che stiamo attraversando dovrebbe averci ricordato l'importanza della solidariet e di un'equa distribuzione sociale delle risorse. In questo momento, invece, una categoria gi fragile in difficolt massima: nel Lazio sono tra 1.300 e 1600 soltanto gli addetti agli appalti Ferroviari che, nonostante garantiscano elementi essenziali della qualit del servizio, quale la pulizia dei treni e delle stazioni, la ristorazione e l'accompagnamento notte, sono spesso in bala di cambi appalto che seguono la logica del massimo ribasso e dello 'spezzatino': la continuit contrattuale di questi lavoratori frequentemente interrotta, con la relativa incertezza economica e occupazionale.

Fortunatamente chi attualmente opera nell'accompagnamento notte e nella ristorazione ha ricevuto l'anticipazione della cig da parte della societ Elior, che stata l'unica ad assumere questa decisione. Da tempo tuttavia proponiamo al Gruppo Fs la reinternalizzazione di tutti i lavoratori in una societ di servizi, per evitare numerose criticit che riguardano sia il servizio che l'occupazione. In questo momento, a una situazione gi fortemente problematica attraversata dagli addetti al comparto si aggiunto, per molte persone, il ritardo nell'erogazione degli ammortizzatori sociali, che rende il quadro veramente inaccettabile e insostenibile. Bisogna agire presto e bene".