Mater Olbia, don Gianni Sini: "Risorsa per Gallura e Sardegna e ospedale all'avanguardia"

webinfo@adnkronos.com

"Il Mater Olbia? Sta portando grandi benefici al territorio. Anche io da paziente sono stato sorpreso dall’efficienza e dalla tempestività delle prenotazioni". Secondo Don Gianni Sini, parroco della chiesa di Nostra Signora De La Salette a Olbia, è una risorsa per il territorio e una struttura sanitaria d'avanguardia per la Gallura e tutta la Sardegna l'ospedale nato dalla partnership tra la Qatar Foundation Endowment e la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Ircss di Roma. 

Il parroco racconta l'esperienza personale vissuta al Mater Olbia: "Soffro di diabete di tipo 2, mi è stato prescritto un elettrocardiogramma ma all'ospedale di Olbia tutti gli elenchi erano pieni. Mi sono rivolto al Mater Olbia e me lo hanno fissato entro una settimana. E la stessa esperienza ho sentito raccontarla da moltissimi parrocchiani". 

Secondo il parroco, la struttura ha tutte le carte in regola per "diventare un punto di riferimento internazionale come il Gemelli di Roma o ospedali di Milano e New York": "Avevamo davvero bisogno di un’eccellenza come questa perché la nostra sanità è malata, suona come un controsenso ma è così. Tante volte ci si affida alla provvidenza per avere delle risposte, perché gli ospedali non le danno. Credo che questa struttura sarà centrale per Olbia che, tra l'altro, è una porta sul Mediterraneo, ha un porto e un aeroporto sempre attivi, soprattutto d'estate".  

"I cittadini che ho avuto modo di sentire sono davvero soddisfatti tanto più perché in questo momento alcuni dei nostri ospedali, come quelli di Tempio Pausania o di La Maddalena, sono stati trasformati in un grande pronto soccorso - conclude - C’è bisogno di avere sicurezze e certezze. Alcuni ospedali tengono conto solo dei numeri e se sono scarsi chiudono i reparti, il che però è un danno perché depaupera il nostro territorio. La Gallura rischiava di non avere più punti di riferimento, se si aveva un’urgenza non si sapeva a chi rivolgersi, invece il Mater Olbia non solo ha bloccato questa tendenza ma sta diventando uno stimolo per le stesse strutture pubbliche, che dovranno adeguarsi ai nuovi standard".