Matilde Gioli e la fecondazione: "Ho deciso di congelare i miei ovuli"

·1 minuto per la lettura
Matilde Gioli
Matilde Gioli

Matilde Gioli ha confessato di aver scelto di far congelare i suoi ovuli per prendere più in là una decisione in merito a un’eventuale gravidanza.

Matilde Gioli: gli ovuli congelati

Come altre vip anche Matilde Gioli ha deciso di ricorrere al congelamento degli ovuli. Lei stessa ha annunciato di voler avere la libertà di poter scegliere in futuro in merito a una sua ipotetica gravidanza. “Ho avuto modo di riflettere, prenderò appuntamento perché credo che è l’età giusta per farlo. Sono molto propositiva. Affinché i ragazzi abbiano piena libertà di scelta devono ricevere corrette e approfondite informazioni su quanto è possibile fare per proteggere la nostra capacità riproduttiva, naturalmente attraverso stili di vita sani, ma anche prendendo in considerazione, appunto, di crioconservare gli ovociti”, ha confessato. Come lei in merito a questa scelta si sono espresse anche Emma Marrone e Rosalinda Cannavò.

Matilde Gioli: il fidanzato

Oggi nel cuore dell’attrice c’è Alessandro, insegnante d’equitazione con cui è da poco uscita allo scoperto. I due sarebbero più felici e uniti che mai ma al momento non ci sarebbe per loro il progetto di un figlio insieme. I due condividono la loro passione per il mondo dei cavalli ma hanno scelto di vivere la loro vita privata nel massimo riserbo e stando lontani da occhi indiscreti.

Matilde Gioli: la morte del padre

L’attrice ha confessato più volte quando la prematura scomparsa di suo padre – a seguito di una grave malattia – l’abbia segnata nel profondo.

“Il mio papà si è ammalato e, in pochissimo tempo, ci ha lasciato. Io non avevo ancora 23 anni. I miei fratelli piccoli lo hanno avuto per così poco: diventare adulti senza un padre è dura. Cerco di non soffermarmici troppo, perché mi fa star male”, ha confessato Matilde Gioli in merito alla morte di suo papà. L’attrice è stata cresciuta dalla madre e oggi è molto legata a lei e ai suoi fratelli.

“Papà mi ha abituato a camminare in quota ed era orgogliosissimo di avere una figlia che aveva voglia di andare con lui, fino alla cima. Veniva a svegliarmi al mattino e mi diceva: “Amore, se vuoi continuare a dormire…”, e io saltavo giù dal letto tutta contenta. Quando penso che lui non ci sarà in tutte le cose importanti della mia vita, mi attacco al ricordo del suo sguardo orgoglioso, in montagna. Quando camminavamo da ore e lui mi diceva: “Riposati, se sei troppo stanca”. E io andavo avanti”, ha confessato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli