Matrimonio Britney Spears, irrompe l'ex marito: arrestato

(Adnkronos) - L'ex marito di Britney Spears, Jason Alexander, è stato arrestato dopo aver tentato di rovinare il matrimonio della pop star con Sam Asghari giovedì scorso. E' quanto riporta Usa Today. "Alexander è stato fermato, ammanettato e arrestato per la sua disgustosa condotta criminale", ha scritto l'avvocato della Spears, Mathew Rosengart, in una dichiarazione a Usa Today, aggiungendo che ringrazia "il dipartimento dello sceriffo della contea di Ventura per il loro buon e tempestivo lavoro".

"Non vedo l'ora di lavorare a stretto contatto con le forze dell'ordine per assicurarmi che sia perseguito nella misura massima consentita dalla legge, come deve essere - ha continuato Rosengar -. Fortunatamente, Britney è al sicuro''. Nel video dell'incidente condiviso da TMZ e che Alexander ha trasmesso in diretta su Instagram, l'ex marito della Spears si avvicina a una guardia di sicurezza dicendo che è arrivato per rovinare la cerimonia.

"Britney Spears mi ha invitato qui'', dice Alexander, 40 anni, che sposò la pop star a Las Vegas nel 2004 prima che la loro unione fosse annullata appena 55 ore dopo. "Lei è la mia prima moglie, la mia unica moglie e io sono il suo primo marito. Sono qui per rovinare il matrimonio, perché qui non c'è nessuno tranne Sam, dove è la famiglia?", prosegue Alexander nel video.

Una foto condivisa da TMZ mostra Alexander a terra mentre è trattenuto dalla sicurezza. Lo sceriffo della contea di Ventura, Cameron Henderson, ha detto che gli agenti hanno risposto a una chiamata per violazione di domicilio dopo le 14 di giovedì e ha detto che Alexander è stato arrestato sul luogo della cerimonia. Henderson ha inoltre fatto sapere che Alexander è stato arrestato dopo che gli agenti hanno verificato che aveva un’altra diffida con divieto di avvicinamento in un'altra contea.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli