Matrix Revolutions, gli errori che non avevi mai notato nel film con Keanu Reeve

·2 minuto per la lettura

Sabato 18 aprile su 20 andrà in onda Matrix Revolutions, terzo capitolo dell'accaldata saga diretta della Wachowski e interpretata da Keanu Reeves, uscito nel 2003.

Un film, una saga, molto complessa che come abbiamo avuto modo di dire per i capitoli precedenti non è esente da errori. Anche questo nuovo capitolo ne ha diversi come ad esempio la questione delle olive. Siamo nella scena in cui Morpheus, Trinity e il cinese si recano dal francese. Lui sta mangiando delle olive per l'esattezza due infilate su uno stuzzicadenti. Mangiata la prima, la seconda si trova un pochino distante dalla punta dello stecchino, ma nell'inquadratura successiva, l'oliva si è magicamente spostata.

LEGGI ANCHE:-- Stasera in tv, Matrix Revolutions su Canale 20: le curiosità che ancora non sapevi

Trinity è ostaggio di Bane che la minaccia con un coltello al collo; in alcune inquadratura si vedono delle macchie di sangue che spariscono in altre.

Il bisturi puntato alla carotide di Trinity è tenuto in maniera sbagliata: a premere contro la pelle è il lato piatto e non quello della lama. Ma in questo modo il bisturi perde la sua efficacia.

"Questo mondo e quello delle macchine", così l'Oracolo descrive a Morpheus e Trinity 'la stazione della metropolitana' una sorta di limbo in cui è intrappolato l'eletto. Ma mentre parlano, si trovano dentro Matrix quindi i due mondi a cui si riferisce coincidono.

LEGGI ANCHE:-- Matrix gli errori presenti nel film. Li avevate notati?

Veniamo ad una delle scene che vede protagonisti Neo e l'Oracolo e per l'esattezza quella del bracciale. Nella prima inquadratura l'Oracolo prende il bracciale e lo indossa, poi l'inquadratura si sposta su Neo per tornare nuovamente sull'Oracolo che ancora una volta prende il bracciale e lo infila... si tratta di un errore oppure di un deja-vu, di un'anomalia? Per scoprirlo non vi resta che guardare Matrix Revolutions sabato sera sul canale 20 Mediaset alle 21:05.

Crediti foto@kikapress