Mattarella: arbitrio rischia di minare credibilità toghe

Vep

Roma, 26 feb. (askanews) - "Occorre aver ben chiaro il confine che separa l'interpretazione della legge dall'arbitrio nella creazione della regola e dalla imprevedibilità della risposta di giustizia. Arbitrio e imprevedibilità rischierebbero di minare in maniera seria la fiducia nell'ordine giudiziario e la sua credibilità". Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, incontrando nel pomeriggio al Quirinale i Magistrati ordinari in tirocinio nominati con decreto ministeriale del 12 febbraio 2019.

"Interpretare e applicare le norme è un compito fisiologico per i magistrati, che va svolto avendo come sicuro riferimento i valori e i principi della Costituzione - ha sottolineato il Capo dello Stato - Occorre, infatti, aver ben chiaro il confine che separa l'interpretazione della legge dall'arbitrio nella creazione della regola e dalla imprevedibilita' della risposta di giustizia".