Mattarella a azzurri campioni mondiali volley: grazie per l’Italia

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 12 set. (askanews) - "Grazie per l'Italia": lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, concludendo al Quirinale il suo discorso di saluto agli atleti della pallavolo che si sono laureati campioni del mondo in Polonia.

Il capo dello Stato, che ha parlato dopo gli interventi del presidente del Coni Giovanni Malagò, del presidente della Federvolley Giuseppe Manfredi, del tecnico della nazionale Ferdinando De Giorgi e del capitano azzurro Simone Giannelli, ha ricevuto dalla nazionale neo campione del mondo un pallone autografato.

Il capo dello Stato ha fatto i complimenti a tutti riservando un pensiero particolare a Fefè De Giorgi, in passato già campione del mondo da giocatore: "Un'impresa ma vincere da fuori campo è ancora più impegnativo", ha sottolineato Mattarella. "Ho molto ammirato il modo in cui lei si è rivolto alla squadra durante le partite", ha aggiunto, rimarcando la differenza dai toni accesi e dai "gesti di disappunto" dei commissari tecnici di altre nazionali.

"Ieri vi ho visto dalla prima all'ultima battuta, anche il primo set era nelle vostre mani - ha scherzato - ma averlo consegnato ai polacchi è stato un gesto di cortesia nei confronti dello sportivissimo pubblico locale. La correttezza è un tratto distintivo della pallavolo, un esempio per tutti gli altri sport, alcuni dei quali hanno questa regola di comportamento, altri meno...".

"Quando ho letto i commenti dei giorni precedenti ai mondiali, nel descrivere quant'era giovane veniva sostanzialmente fatto capire, beh, è una squadra che partecipa al torneo per fare esperienza. Una magnifica dissumulazione e sono convinto che in realtà ciascuno di voi fin dal primo giorno pensasse di poter conquistare il titolo. Lo avete fatto, complimenti, bravissimi. Grazie per l'Italia", ha concluso Mattarella.