**Mattarella: da arbitro a Zanardi, l’alfabeto del settennato** (6)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – O ONORIFICENZE – Durante il settennato Mattarella ha conferito motu proprio ogni anno l’Onorificenza al Merito della Repubblica italiana complessivamente a 222 cittadine e cittadini che si sono distinti per atti di eroismo, per l'impegno nella solidarietà, nel volontariato, per l'attività in favore dell'inclusione sociale, nella cooperazione internazionale, nella promozione della cultura, della legalità, del diritto alla salute e dei diritti dell'infanzia. Alcuni casi significativi di impegno civile, di dedizione al bene comune e di testimonianza dei valori repubblicani individuati tra i tanti esempi presenti nella società civile e nelle istituzioni. Nel 2020 Mattarella conferisce l’onorificenza di Cavaliere anche a 57 cittadine e cittadini, di diversi ruoli, professioni e provenienza geografica, che si sono particolarmente distinti nel servizio alla comunità durante l’emergenza del coronavirus. I riconoscimenti, attribuiti ai singoli, vogliono simbolicamente rappresentare l’impegno corale di tanti nostri concittadini nel nome della solidarietà e dei valori costituzionali. Nel settennato infine Mattarella ha conferito 179 attestati di ‘Alfieri della Repubblica’ a giovani che si sono distinti per meriti nello studio, in attività culturali, scientifiche, artistiche o sportive nonché per l'impegno nel volontariato o per singoli atti o comportamenti ispirati ad altruismo e solidarietà. Assegnate anche 16 targhe come premio per azioni collettive.

P POKEMON – Sul referendum istituzionale “in queste settimane, talvolta, a proposito della data e del cosiddetto spacchettamento, mi è parso di assistere a discussioni un po' surreali, quasi sulla scia della caccia ai Pokemon”, dice Mattarella in occasione della cerimonia del Ventaglio nell’estate 2016.

Q QUIRINALE CONTEMPORANEO – Residenza dei papi, scelta poi da Napoleone, dei re della dinastia Sabauda, dal dopoguerra dei Presidenti della Repubblica e soprattutto, per dirla con le parole dell'attuale Capo dello Stato, casa degli italiani. Un intrecciarsi di epoche, ciascuna con la propria arte e i relativi arredi, che richiedeva però un completamento con opere legate alla realtà politica, istituzionale, sociale repubblicana. Nasce così il progetto 'Quirinale contemporaneo', dispiegatosi attraverso tre edizioni dal 2019 ad oggi, perchè, come spiega Mattarella, "per dirsi a pieno titolo Casa degli italiani, il Palazzo necessitava di un adeguamento. Un progetto volto ad aggiornare l'immagine delle sedi istituzionali tramite l'inserimento di rilevanti espressioni del genio e dell'estro degli artisti italiani, dalla nascita della Repubblica ai nostri giorni: opere d'arte e oggetti di design che aggiungono un'importante testimonianza pubblica dell'eccellenza italiana in questo settore, mai affievolita".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli