**Mattarella: da arbitro a Zanardi, l’alfabeto del settennato** (8)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – U UGUAGLIANZA – “C’è un articolo, in particolare, della nostra Costituzione, quello sull’uguaglianza, che suggerisce una riflessione –afferma Mattarella celebrando il 75/mo anniversario della Repubblica- su quanto sia lungo, faticoso e contrastato il cammino per tradurre nella realtà un diritto pur solennemente sancito. Questo principio, vero pilastro della nostra Carta, ha rappresentato e continua a rappresentare una meta da conquistare. Con difficoltà, talvolta al prezzo di dure battaglie. Per molti aspetti un cammino ancora incompiuto. Penso alle differenze economiche, sociali, fra territori. Penso alla condizione femminile, all’impegno delle donne per una effettiva affermazione del diritto all’uguaglianza”.

V VACCINO – “Vaccinarsi è una scelta di responsabilità, un dovere. Io mi vaccinerò appena possibile, dopo le categorie che, essendo a rischio maggiore, debbono avere la precedenza”, annuncia Mattarella rivolgendosi agli italiani la sera del 31 dicembre 2020. Così quando giunge il suo turno in base all’età si reca all’Istituto Spallanzani per ricevere la prima dose di Moderna, il 9 marzo 2021. Insieme a tanti altri cittadini, come testimonia la foto che lo ritrae mentre attende il trascorrere dei quindici minuti canonici per verificare l’assenza di reazioni. Dopo 28 giorni la seconda dose, quindi a fine ottobre il richiamo.

Z ZANARDI – Alex Zanardi, tornato a casa nei giorni scorsi dopo il drammatico incidente di un anno e mezzo fa, testimone indomito e tenace di attaccamento alla vita, simbolo dello sport paralimpico. “Il presidente Pancalli e Bebe Vio hanno inviato un messaggio ad Alex Zanardi. Vorrei far mio questo messaggio di augurio ad Alex Zanardi e, inviando a lui questo messaggio, questo pensiero, ribadiamo oggi qui la comunanza di prospettive e di intenti tra Olimpiadi e Paralimpiadi. Noi italiani avvertiamo l’orgoglio di essere stati gli apripista a Roma ‘60”, ricorda Mattarella, consegnando il tricolore agli atleti in partenza per le Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo. (di Sergio Amici)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli