Mattarella: destino dei Balcani non scindibile dal resto d'Europa

Bar

Roma, 15 nov. (askanews) - "Questa infrastruttura ha una forte valenza strategica di livello europeo, rappresenta il primo vero ponte elettrico tra l'Unione europea e i Balcani, per questo è stato qualificato come progetto di comune interesse. E' un contributo alla sicurezza degli approvvigionamenti": lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, parlando a Cepagatti (Pe) in occasione dell'inaugurazione del nuovo elettrodotto Italia-Montenegro.

"Avvicinare sempre più gli amici dei paesi del Mediterraneo e dei Balcani alla casa comune europea - ha sottolineato - è un tema cui l'Italia attribuisce grande importanza".

"Siamo convinti - ha detto ancora il capo dello Stato - che il destino dell'intera regione balcanica non sia scindibile da quello degli altri paesi europei. L'Unione europea e i Balcani sono Europa, parte della stessa storia e della stessa civiltà".

(segue)