Mattarella: grato a italiani estero per sentimento di unit

Rea
·2 minuto per la lettura

Roma, 25 lug. (askanews) - Le comunit italiane e di origine italiana residenti all'estero hanno mostrato, durante il momemto pi critico dell'emergenza coronavirus in Italia, "un sentimento di unit e di solidariet per il quale vi esprimo riconoscenza". Lo ha sottolineato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un videomessaggio agli italiani residenti all'estero trasmesso dal programma "L'Italia con Voi" di Rai Italia. Rivolgendosi"con affetto" ai connazionali all'estero, il Capo dello Stato ha riconosciuto la "partecipazione con cui avete seguito le sofferenze vissute, nel nostro Paese, per il coronavirus. Lo avete fatto da lontano, per la distanza fisica che ci separa; eppure del tutto vicini nella coscienza che ci unisce. Una conferma, se ve ne fosse stato bisogno, del sentimento intenso che raccoglie le comunit italiane e di origine italiana diffuse nel mondo. Un sentimento di unit e di solidariet per il quale vi esprimo riconoscenza". La pandemia " stata una prova che ha posto in evidenza valori di civismo e di dedizione alle persone in difficolt. Valori che rappresentano base importante della nostra societ, e alimentano la vita delle nostre istituzioni democratiche. Nei tanti borghi e citt d'Italia questa stagione stata accompagnata da lutti e patimenti, cui si aggiunto il dolore di non poter celebrare i funerali, dei defunti: emergenza ora, fortunatamente, superata. Adesso l'impegno - ha rimarcato Mattarella - rivolto alla ricostruzione di un tessuto, capace di affrontare i rischi che si manifestano e di rilanciare la fiducia nel futuro". Il Presidente dela Repubblica ha osservato come "il virus ha superato frontiere e distanze continentali. Ha messo in discussione percorsi e modi di vita consolidati". E questi mesi di pandemia, in particolare "per molti dei connazionali all'estero, hanno aggiunto alla preoccupazione per la salute il disagio e il rammarico di non poter raggiungere i propri cari in Italia, anche a seguito delle restrizioni nei collegamenti aerei. La lontananza pesa, sulle nostre comunit all'estero e tutte le istituzioni della Repubblica sono impegnate ad alleviare queste difficolt; per la sua parte la rete consolare e delle ambasciate volta a rafforzare l'attenzione e ad ascoltare e corrispondere alle loro esigenze. "La collaborazione e il coordinamento, della comunit internazionale nel contrastare, il virus - un avversario comune e ancora largamente sconosciuto - sta riconducendo, gradualmente, alla normalit anche dei collegamenti e alle conseguenti aperture. Del resto, soltanto la conoscenza condivisa e una efficace azione corale a difesa della salute da parte di tutti i Paesi pu permettere di sconfiggere la malattia. Prima della pausa - prodotta dal mese di agosto - desidero farvi giungere il sentimento, pi forte, di vicinanza, della Repubblica, a tutti voi".