Mattarella incontra Trump, la gaffe: “I curdi? Non sono degli angeli”

mattarella trump

Sergio Mattarella si trova negli Stati Uniti per incontrare il presidente americano Donald Trump. Nel corso del primo colloquio, nella giornata di mercoledì 16 ottobre, i due leader hanno discusso sui dazi e sul conflitto in Siria. Trump ha accolto il capo di Stato italiano con la consueta stretta di mano dicendo: “È un grande onore ricevere un uomo molto rispettato come lei, è un piacere averla qui alla Casa Bianca”. Tuttavia, nel colloquio faccia a faccia tra Trump e Mattarella non sono mancati i colpi di scena e le gaffe. Vediamo cosa è successo.

Incontro Mattarella-Trump: le gaffe

Donald Trump ha accolto il capo di Stato italiano Sergio Mattarella: durante il loro colloquio sono stati trattati temi importanti come i dazi e il conflitto in Siria. Non sono mancate, però, la consuete gaffe da parte del presidente americano. In particolare parlando dell’invasione turca nel nord della Siria, Trump ha affermato: “I curdi non sono certo degli angeli”. Tuttavia, i curdi sono stati lasciati in balia dei loro nemici turchi (nella lotta contro l’Isis) dopo il ritiro del contingente americano. Trump, però, ha proseguito: “Molto più delle nostre truppe sono efficaci le sanzioni per mantenere la stabilità”.

Ma passando ad altri temi, possiamo raccontare un secondo episodio. In conferenza stampa, il capo della Casa Bianca aveva dichiarato: “Gli Stati Uniti e l’Italia sono uniti da un patrimonio culturale e politico condiviso che risale a migliaia di anni fa all’antica Roma“. “Nel corso dei secoli, il popolo italiano ha benedetto la nostra civiltà con magnifiche opere d’arte, scienza, filosofia, architettura e musica. Lunedì abbiamo reso omaggio all’esploratore italiano che ha condotto un viaggio di scoperta nel nuovo mondo. Un signore noto come Cristoforo Colombo. Per me, si chiamerà sempre Columbus Day. Ad alcune persone non piace. A me si” ha proseguito Trump. Ma alcuni utenti su Twitter hanno ironizzato sulla dichiarazione commentando: “Si c’è un forte legame tra Nerone e Trump“.