Mattarella: inevitabile sciogliere le Camere, impossibile una nuova maggioranza

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 21 lug. (askanews) - "La discussione, il voto e le sue modalità hanno reso evidente il venire meno del sostegno e l'assenza di prospettive per dar vita a nuova maggioranza. Questa condizione ha reso inevitabile lo scioglimento anticipato delle Camere". Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nelle dichiarazioni al Quirinale dopo l'annuncio della fine della legislatura seguita alle dimissioni del premier Mario Draghi.

"Lo scioglimento anticipato delle Camere - ha aggiunto il capo dello Stato - è sempre l'ultima scelta da compiere, particolarmente se davanti alle Camere ci sono molti importanti adempimenti, ma la situazione politica ha condotto a questa decisione".

"Il periodo che attraversiamo non consente pause" nella determinazione degli "interventi per contrastare la crisi economica e sociale" e in particolare "l'aumento dell'inflazione" che "comporta pesanti conseguenze per famiglie e imprese", ha detto ancora Mattarella. Si tratta di "interventi indispensabili per far fronte alle difficoltà economiche e alle ricadute sociali soprattutto per i cittadini più deboli". Vanno dal contrasto all'inflazione, alla sicurezza legata alla guerra in Ucraina, dalle scadenze del Pnrr al contrasto alla pandemia: "Per queste ragioni mi auguro che, pur nell'intensa e acuta dialettica campagna elettorale, ci sia da parte di tutti un contributo costruttivo riguardo agli aspetti che ho indicato, negli interessi superiori dell'Italia", ha ammonito.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli