Mattarella: “L’Italia deve avere un ruolo di primo piano nell’Unione”

sergio mattarella

Sergio Mattarella dal forum Ambrosetti di Cernobbio lancia un messaggio alle istituzioni: “L’Italia è chiamata a svolgere” un “ruolo di primo piano, partecipando con convinzione e responsabilità a un progetto europeo lungimirante, sostenibile ed equilibrato dal punto di vista ambientale, sociale e territoriale”. Per questo motivo il “sistema economico-finanziario” dovrà “cogliere l’occasione di fornire il suo contributo a questa fase di rinnovamento del progetto europeo”. A Cernobbio si è infatti svolto un importante workshop dal titolo: “L’agenda per cambiare l’Europa“. Vediamo le parole di Sergio Mattarella sul ruolo dell’Italia in Ue.

Mattarella, il ruolo dell’Italia in Ue

Enrico Letta, ex premier, prosegue nella lettura del discorso del capo di Stato Sergio Mattarella: è necessario, nelle parole del presidente, un riesame del patto di stabilità. “Coesione e crescita – ha spiegato in seguito – sono gli obiettivi ai quali guardare e il necessario riesame delle regole del patto di stabilità può contribuire a una nuova fase”. Esso permetterà di rilanciare “gli investimenti in infrastrutture, reti, innovazione, educazione e ricerca”.

Cambiare l’Europa

Il tema centrale degli incontri che si sono svolti a Cernobbio era l’Unione Europea. Un tweet dall’account ufficiale del forum, infatti, scriveva (rimanendo anonimo): “Mai prima d’ora nella storia europea, il coraggio politico è stato così essenziale. Perché c’è bisogno di coraggio per cambiare i paesi in tempi di instabilità economica e sociale”. Un altro tema cruciale sul tavolo della discussione è la minaccia alle prossime elezioni europee. “Alle prossime elezioni europee – dichiarano – ci saranno 2 attacchi concentrici sulla domanda di sovranità: uno da parte di chi chiede un ritorno di più sovranità nazionale; l’altro da parte di chi chiederà invece più sovranità europea”.

All’incontro hanno preso parte Romano Prodi, Mario Monti, Alexis Tsipras, Bruno Le Maire e Geert Wilders. Dall’agenzia Ansa, infine, riferiscono che Monti “espone una sorta di piattaforma del sovranismo europeo ma bacchetta il commissario Oettinger per le dichiarazioni avventate sul cambio di governo in Italia (“la Ue ricompenserà”)”.

Il nuovo esecutivo italiano

Il ministro dell’Economia francese, Bruno Le Maire, fa invece una riflessione sul nuovo esecutivo giallo rosso insediatosi in Italia. “Abbiano un nuovo governo e penso che questa sia un’opportunità unica per dare nuovo slancio alle relazioni italo francesi nell’ambito economico e finanziario”. Mentre sul neo ministro dell’Economia si è espresso Cottarelli: “Gualtieri è bravo e ha fatto bene. Certo noi economisti non contiamo più niente perché mettiamo gli storici a fare i ministri”. Infine, riguardo all’attribuzione della Farnesina a Luigi Di Maio commenta: “Di Maio ha fatto tante cose nella sua vita, può fare anche questo”.