**Mattarella: la bufera sul Csm, 'magistratura ritrovi rigore per salvaguardare indipendenza'** (4)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Perciò, ha sottolineato Mattarella in uno dei suoi più recenti interventi, “il dibattito sul sistema elettorale dei componenti del Consiglio superiore deve ormai concludersi con una riforma che sappia sradicare accordi e prassi elusive di norme che, poste a tutela della competizione elettorale, sono state talvolta utilizzate per aggirare le finalità della legge. È indispensabile, quindi, che la riforma venga al più presto realizzata, tenendo conto dell'appuntamento ineludibile del prossimo rinnovo del Consiglio superiore”. Un cambiamento che deve essere accompagnato dal superamento “di ogni degenerazione del sistema delle correnti” e dal “fondamentale e decisivo piano dei comportamenti individuali”.

Esempi in questo senso non mancano, basti pensare a quei “valorosi magistrati”, caduti sotto i colpi della mafia e del terrorismo i cui “meriti e sacrifici” non vanno “offuscati”.

“Erano consapevoli dei rischi cui erano esposti e li hanno coraggiosamente affrontati per rispetto della dignità propria e di quella del loro compito di magistrati. Hanno svolto la loro attività, con coraggiosa coerenza e autentico rigore, senza rincorrere consenso ma applicando la legge. Fedeli soltanto alla Costituzione, l’unica fedeltà richiesta ai servitori dello Stato a tutela della democrazia su cui si fonda la nostra Repubblica, l’unica fedeltà cui attenersi e alla quale sentirsi vincolati”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli