Mattarella: sbagliato rassegnarsi a Italia a più velocità

Rus

Arezzo, 19 nov. (askanews) - "Sarebbe gravemente sbagliato rassegnarsi a un'Italia a più velocità. Ciascuno - in ordine alfabetico: da Abano Terme a Zungri - sarà più forte se ridurremo gli squilibri tra chi abita al Nord e chi al Sud, tra chi vive nelle metropoli e chi nei piccoli centri, tra chi è vicino al mare e chi continua a rendere più belle le colline e le montagne". A sottolinearlo è stato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo intervento all'assemblea dell'Anci che si è aperta oggi alla Fiera di Arezzo.

"I Comuni di piccola dimensione - i cui rappresentanti ho incontrato venti giorni addietro - hanno bisogno, ancor più di altri, di semplificazione burocratica e amministrativa. Dove i dipendenti comunali si contano sulle dita di una mano, sindaci e amministratori locali vanno messi nelle condizioni di poter operare a vantaggio delle loro comunità", aggiunge Mattarella.

"La crescita di capacità competitiva del nostro Paese passa anche da qui. Analogamente - come tante volte ricordato - vanno incoraggiati i Comuni a realizzare unioni, ad associarsi per svolgere funzioni e servizi, a giungere a fusioni quando queste operazioni possono produrre economie di scala e importanti risparmi di spese, a tutto vantaggio dei cittadini", conclude il presidente della Repubblica.