Mattarella: su assunzioni Comuni superare rigidità e blocchi

Rus

Arezzo, 19 nov. (askanews) - "E' necessario superare blocchi e irragionevoli rigidità - nelle facoltà di spesa dei Comuni come nelle assunzioni - che talvolta possono provocare criticità finanziarie e paralisi gestionali". A sottolinearlo è stato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo intervento all'assemblea dell'Anci, che si è aperta oggi alla Fiera di Arezzo.

"Oggi l'autonomia passa da un rinnovato equilibrio della finanza locale, e dalla possibilità di disporre di personale adeguato e motivato. Naturalmente - spiega Mattarella - ogni amministratore deve sentirsi obbligato al rispetto del vincolo di sana e corretta gestione, che eviti di scaricare su altre istituzioni, e sulle future generazioni, il peso di scelte sbagliate o di colpevoli inerzie. La buona amministrazione resta una virtù pubblica, che non rimanda solo a regole contabili, ma influisce sulle stesse potenzialità di sviluppo di ogni comunità e della sua economia".

Tuttavia nel garantire, o nel riattivare, "il circuito virtuoso della finanza locale la responsabilità dello Stato centrale non è secondaria. E' necessario superare blocchi e irragionevoli rigidità - nelle facoltà di spesa dei Comuni come nelle assunzioni - che talvolta possono provocare criticità finanziarie e paralisi gestionali".

Sembra che il confronto con il Governo "abbia prodotto già alcuni esiti condivisi, e sui nodi non ancora risolti è bene che il dialogo prosegua con l'obiettivo di avviare comunque un processo positivo. Come, ad esempio, sull'opportunità di rinegoziare alcuni mutui contratti anni addietro e di riorganizzare - dove possibile - il debito di Comuni e Città metropolitane".

I Comuni, sostiene il presidente della Repubblica, "possono contribuire alla ripresa, dopo la lunga crisi e la stagione di bassa crescita. Se il rilancio degli investimenti è uno dei vettori più importanti, i Comuni dispongono di leve tra le più preziose. Queste leve vanno azionate. Migliaia di opere piccole e medie possono comporre un importante volano, economico e sociale, e la disponibilità di finanziamenti deve ora accelerare lo sblocco e i tempi di avvio. E' questo uno dei risultati del vostro confronto con il governo: a sindaci, amministratori, funzionari pubblici è chiesto adesso di non sottrarsi alle proprie responsabilità e di fare con impegno la propria parte".