Mattarella: 'Ue non può essere marginale, sempre a fianco con Usa ma più responsabile'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 20 dic. (Adnkronos) – "Il ventunesimo secolo non deve essere vissuto con la rassegnazione di una ineluttabile marginalizzazione dell’area europea. La conclusione della lunga stagione dell’impegno in Afghanistan e la formazione di nuove architetture politiche e di sicurezza nel Pacifico, segnalano la volontà degli Stati Uniti di riformulare l’approccio del proprio ruolo e della propria presenza internazionali. Per consolidata tradizione, cultura, valori, legami umani e impianto istituzionale, Stati Uniti e Unione europea si troveranno sempre fianco a fianco". Lo ha affermato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo alla Conferenza degli ambasciatori e delle ambasciatrici d'Italia.

"Anche per questo, la scelta di spostare gradualmente il baricentro delle politiche Usa verso il Pacifico -ha aggiunto il Capo dello Stato- impone una assunzione di responsabilità sempre più diretta da parte degli interlocutori europei. Del resto, una richiesta di maggiore condivisione di responsabilità proviene esplicitamente non da oggi da oltre Atlantico. Nel quadro di un rapporto equilibrato, l’Europa è chiamata a svolgere un ruolo più rilevante nella definizione della strategia dell’Alleanza atlantica. Lo sviluppo di una capacità di difesa da parte della Unione europea -ha ribadito Mattarella- rappresenta un tassello essenziale del necessario percorso di autonomia strategica. Sono convinto che l’Unione europea saprà essere efficace nel perseguire questo obiettivo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli