Mattarella: virus razzismo non è storia, va ancora debellato

Gal

Roma, 27 gen. (askanews) - "Per fare davvero i conti con la Shoah non dobbiamo rivolgere lo sguardo soltanto al passato. Perché il virus della discriminazione, dell'odio, della sopraffazione, del razzismo non è confinato in una isolata dimensione storica ma attiene strettamente ai comportamenti dell'uomo. E debellarlo riguarda il destino stesso del genere umano". Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, concludendo il suo intervento alla cerimonia al Quirinale per il Giorno della memoria.