La Leopolda aggredisce quota 100

HuffPost

Matteo Renzi lancia la Leopolda e attacca Giuseppe Conte sulla manovra. “Domattina partiamo con la presentazione del Family Act, con Elena Bonetti - scrive sulla e-news -. E spiegheremo perché secondo noi quella misura, che investe 20 miliardi in tre anni guardando solo ai pensionandi, è ingiusta: quei soldi dovrebbero andare ai giovani, alle coppie, alle famiglie, agli stipendi e ai servizi. Noi voteremo un emendamento per cancellare Quota 100 e dare quei soldi alle famiglie e agli stipendi: vediamo che cosa faranno gli altri”. 

“Su quota 100 faremo una battaglia - spiega Renzi - che temo sarà solo una battaglia di testimonianza, visti i numeri”. Quanto alla manovra, “siamo molto soddisfatti del blocco all’aumento dell’Iva. Positivo il passo per ridurre interessi sul debito e aumentare soldi sulla famiglia”.

“Sui microbalzelli - ribadisce - come la sugar tax o le imposte sulla casa o sul desiderio di complicare la vita alle partite Iva invece ci faremo sentire. E sono certo che anche altre forze della maggioranza bloccheranno questi inutili microbalzelli”.

Il leader di Italia Viva afferma: “Stasera partiremo alle 21 ricordando
i nostri primi dieci anni. E però anziché perderci in struggenti nostalgie ragioneremo di come sarà il mondo tra 10 anni. E di quale Italia vogliamo. Presenteremo una sorta di business plan per l’Italia, fatto di crescita e sostenibilità, raccontando quali saranno le nostre sfide ambientali, infrastrutturali, economiche dei prossimi anni. Come saranno le città intelligenti di domani. Racconteremo il futuro perché vogliamo costruirlo, non solo aspettarlo. E il titolo di questa Leopolda è ITALIA 2029”. 

“Siamo la Casa del futuro, non la Casa della nostalgia - scrive Renzi - Perché la politica è futuro, per definizione. Questo non significa che non pensiamo al nostro passato. E soprattutto che non pensiamo ai nostri amici che non sono più con noi. Quest’anno - per il decennale - ricorderemo...

Continua a leggere su HuffPost