Matteo Renzi: "Online il mio conto corrente, violate la Costituzione e le leggi"

·1 minuto per la lettura
(Photo: NurPhoto via Getty Images)
(Photo: NurPhoto via Getty Images)

“Hanno messo online il mio conto corrente, violando Costituzione e Leggi.
Hanno scelto come testimone dell’accusa penale un avversario politico.
Hanno captato comunicazioni e intercettazioni con un metodo che è stato contestato persino dalla Cassazione” e ora “mi aspetta una lunga battaglia in sede civile e penale per ottenere il risarcimento che merito. La farò con tenacia e metodo, passo dopo passo, senza rabbia. Non ho nulla da temere ed anzi la pubblicazione incivile di questi documenti non fa che confermare la mia trasparenza e correttezza”. Lo scrive su Facebook il leader di Italia Viva Matteo Renzi riguardo all’inchiesta sulla Fondazione Open.

“Da anni - scrive - spendono centinaia di migliaia di euro e impiegano decine di finanzieri per una caccia all’uomo teorizzata dalla corrente dei giudici di Magistratura Democratica come la stretta di un ‘cordone sanitario attorno al senatore Renzi’. Quello che sta accadendo dovrebbe indignare l’opinione pubblica, i media, gli avversari politici. Non i miei amici. Perché i miei amici sanno che vicende come queste non mi impauriscono ma anzi mi danno la carica per rilanciare”.

“Ma in sede politica - conclude - spero che qualcuno rifletta sul fatto che ciò che sta accadendo a me è una reiterata violazione di legge che fa male alle Istituzioni. A chi in queste ore mi sta mostrando affetto va il mio grazie più sincero”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli