Matteo Salvini canta De André: l’esibizione al Maurizio Costanzo Show

matteo-salvini-maurizio-costanzo

Ospite della puntata del Maurizio Costanzo Show in onda mercoledì 27 novembre, Matteo Salvini non ha esitato nel dare un po’ di spettacolo esibendosi con un brano di uno dei suoi cantautori preferiti: Fabrizio De André. Il leader della Lega, che non ha mai nascosto la sua passione per l’artista genovese, ha infatti cantato la celebre Via del Campo, scusandosi tuttavia in anticipo per le sue abilita vocali non proprio all’altezza della situazione.

Matteo Salvini ospite da Maurizio Costanzo

Prima di cimentarsi con uno dei brani storici del cantautore, Salvini ha voluto mette le mani avanti in merito all’eventuale qualità dell’esibizione: “Ve lo dico umilmente, tappatevi le orecchie che non mi offendo. Se qualcuno sa Via del Campo, io adoro Fabrizio De André, magari è più intonato di me”. Nella precedente stagione del Maurizio Costanzo Show, l’ex ministro dell’Interno aveva avuto l’occasione di cantare un altro cavallo di battaglia della musica italiana, cioè Albachiara di Vasco Rossi.

Oltre a Matteo Salvini, nella puntata in onda il 27 novembre sono stati ospiti tra gli altri Paola Barale, Luca Ward, Paolo Conticini, Nicolas Vaporidis e il cantante Peppino Di Capri, al quale l’Associazione Fonografici Italiani ha conferito il premio alla carriera.

Le critiche sui social

Al di la delle effettive capacità canore in molti sui social non hanno gradito l’esibizione di Matteo Salvini, ritenendo incolmabile la distanza ideologica tra il leader leghista e Fabrizio De André su tematiche quali la tolleranza, l’accoglienza del diverso e il rispetto per il prossimo. Cantare un brano come Via del Campo, che come tante altre canzoni di De André si schiera dalla parte degli ultimi e dei dimenticati della società, è apparso quindi fuori luogo a molti utenti del web.

Tra i commenti si può infatti leggere: “Matteo oltre a cantarle le sue canzoni, prova anche a leggere i testi e a capire il loro significato. Date le tue opinioni politiche, sembra che tu non l’abbia fatto, ma anche: “E fai bene a chiedergli scusa. Secondo me hai difficoltà nella comprensione dei testi, visto che quello che professi è l’esatto contrario di ciò che sosteneva e amava Faber”.