Matteo Salvini ipotizza una tassa per far riemergere "i risparmi fermi nelle cassette di sicurezza"

HuffPost

“In Italia ci sono decine, forse centinaia di miliardi fermi nelle cassette di sicurezza. Noi possiamo rimetterli in circuito. Posso farmi pagare un’imposta, se sono soldi frutto di guadagni lecitamente ottenuti, e consentire di usarli nuovamente?”. Se lo chiede Matteo Salvini che, nella registrazione di Porta a Porta, spiega: “Sono soldi nascosti, ma l’Italia è piena di soldi tenuti sotto il materasso”. 

Il ministro ipotizza una tassa per far emergere risparmi che definisce “nascosti”. Ma che genere di risparmi? “Non parlo di soldi all’estero - spiega - se qualcuno ce li ha portati sono affari suoi, ma mi dicono che ci sono centinaia di miliardi in cassette di sicurezza, fermi. Potremmo metterli in circuito per gli investimenti. Si potrebbe far pagare un’imposta e ridare il diritto di utilizzarli”.

Immediata la reazione del Pd: “L’avevamo detto che sarebbero arrivati
a toccare i risparmi degli italiani. Certo, non ci aspettavamo così presto. Irresponsabili”.

Continua a leggere su HuffPost