Matteo Salvini, le contromosse: via alla campagna acquisti

matteo salvini contromosse

Matteo Salvini non si ferma, e nonostante sia stato escluso dalla maggioranza continua la sua personale battaglia tra aule e piazze. L’obiettivo è quello di preparare le contromosse e contrastare Pd e Movimento 5 Stelle togliendo loro voti importanti: una vera e propria “campagna acquisti” come l’hanno definita alcuni quotidiani. Il fine ultimo è naturalmente quello di rafforzare la Lega a fronte di una perdita di consensi della maggioranza.

Matteo Salvini, le contromosse

Fino alla settimana scorsa avevo dato lo stop – ha riferito il leader del Carroccio -. Però è vero che i miei continuano a dirmi che c’è un sacco di gente interessata a quello che diciamo noi, dai consiglieri di zona ai parlamentari” ha proseguito senza fare nomi. Il riferimento però è chiaro, ed è rivolto a tutti quei grillini che sono stati costretti ad “ingoiare il rospo” dell’accordo con il Pd nonostante preferissero nettamente la Lega. E’ proprio a questi ultimi che punta Salvini per mettere a segno i suoi colpi contro la maggioranza che lo ha tagliato fuori. “Ho detto – ha proseguito l’ex ministro dell’Interno -, se sono brave persone, perché no?“. Il leader è convinto che presto o tardi dal Movimento 5 Stelle si staccheranno alcune componenti che convergeranno poi nelle fila della Lega: “Gente con la schiena dritta che è disgustata da tutto quello che sta accadendo“. Del resto, l’ex vicepremier, ha iniziato a giocare la sue carte già nel corso del suo intervento a Palazzo Madama, quando rivolgendosi ai senatori grillini ha detto: “Non penserete davvero che vi abbiano eletti per chiedere la fiducia di Monti e di Casini“.