Matteo Salvini replica a Ghali: "Mi ha urlato assassino fascista"

·2 minuto per la lettura
matteo salvini ghali
matteo salvini ghali

La lite tra Matteo Salvini e Ghali, avvenuta alla stadio San Siro durante il derby Milan-Inter, continua a far discutere. Il leader di Lega Nord, ospite del programma Quarta Repubblica, ha replicato al cantante, ricostruendo quanto avvenuto durante il match di calcio.

Matteo Salvini replica a Ghali

Come sappiamo grazie ai video diventati ormai virali, durante la partita tra Milan e Inter, Matteo Salvini e Ghali hanno avuto un forte battibecco. Erano entrambi presenti allo stadio, nella tribuna Vip, quando il cantante si è scagliato contro il politico, ricoprendolo di brutte parole. In difesa dell’artista è sceso in campo il collega Jake la Furia, che, intervistato da Radio 105, ha dichiarato:

“Tralasciando le buone maniere io avrei fatto la stessa cosa. Salvini deve andare a rubare. Per quanto mi riguarda io lo avrei insultato e mi spiace non esserci stato. Sono contro qualsiasi cosa Salvini pensi. Ognuno deve ricevere quello che dà. Salvini dice delle cose agghiaccianti a tutto il paese senza preoccuparsi di ferire le persone che sono colpite dalle sue parole. Si dice ‘chi semina vento raccoglie tempesta”.

Salvini, ospite del programma Quarta Repubblica, ha replicato sia a Ghali che a Jake la Furia.

Matteo Salvini replica a Ghali: le parole

Matteo, chiamato a commentare la vicenda da Nicola Porro, ha dichiarato:

“Attaccato da Ghali allo stadio? Io non conoscevo il signor Ghali o Jake la Furia. Sarò vecchio ma preferisco De André, De Gregori, Battisti, fatto sta che ieri ero in un momento di tranquillità con mio figlio allo stadio e sono stato assalito da questo Ghali che quando il Milan ha segnato mi ha urlato assassino, fascista”.

Salvini, nonostante le accuse, si è detto tranquillo e disposto a prendersi un caffè con Ghali e l’amico Jake la Furia.

Matteo Salvini replica a Ghali e lo invita per un caffè

Il leader di Lega Nord ha concluso:

“Spero si rilassino. Dopo quello che abbiamo attraversato con il Covid questo è il momento del ‘peace and love’ non è il momento di litigare”.

Al momento, Ghali non ha replicato a Salvini e non ha nemmeno commentato la vicenda. Matteo, però, ha detto una piccola bugia. Il politico sostiene di non conoscere il cantante di origini tunisine, ma non è così. Nel 2019, infatti, aveva condiviso un tweet dicendo di apprezare la sua musica.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli