Matteo Salvini: “Toninelli mi insulta? Non si può lavorare così”

salvini toninelli

Il ministro Danilo Toninelli ha ignorato completamente il collega Matteo Salvini nell’aula di Palazzo Madama. Per tutta la durata della votazione sulla Tav, infatti, tra i due i rapporti sono rimasti congelati. Dopo l’ironia del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti contro il vicepremier leghista (“nano sulle spalle dei giganti”) è scattata la replica di Salvini. In un post su Twitter il vicepremier tuona: “Gli insulti di Renzi, della Boschi e delPd mi divertono, gli attacchi quotidiani dei 5Stelle mi dispiacciono. Come si fa a lavorare così?“.

Salvini replica agli insulti di Toninelli

Lo scontro tra i due ministri dei Trasporti e degli Interni è aperto. Danilo Toninelli, infatti, ha lanciato benzina sul fuoco definendo il vicepremier un “nano sulle spalle dei giganti”. Ma Matteo Salvini non ci sta. Lo scontro giunge sullo sfondo della Tav, precisamente durante le votazioni sulle mozioni a Palazzo Madama. Toninelli, in un’intervista al Corriere spiega: “Poco importa che ci siano poche chance. Come si ferma la Tav? Si ferma in Parlamento, essendo il frutto di un accordo italo-francese ratificato dall’Aula. Vedremo chi si metterà insieme per portare avanti quest’opera. Un’opera negativa e lo capiranno tutti negli anni a venire”.

Dopo aver precisazione la sua ferma posizione No Tav, Toninelli aggiunge un attacco al vicepremier: “Salvini fa il polemizzatore quotidiano. Ma si contraddice da solo. Prima mi attacca, poi nelle sue dirette elogia il lavoro che ho fatto, come i 50 miliardi sbloccati al Cipe o il via libera alla Cuneo-Asti. Come diceva un filosofo, sembra un nano sulle spalle dei giganti che lavorano. Al posto di fare polemiche pensi a indicarci due sottosegretari per il ministero. Abbiamo visto che fine hanno fatto quelli che aveva messo”.