Mattia Antonio Cianca miglior sommelier d'Italia Aspi 2019

webinfo@adnkronos.com

E' Mattia Antonio Cianca il miglior sommelier d'Italia Aspi 2019, proclamato ieri sera a Milano al termine della competizione nazionale di Aspi-Associazione della sommellerie professionale italiana, l’unica associazione italiana membro dell’Asi-Association de la sommellerie internationale. Nato a Roma, Mattia Antonio Cianca ha vissuto e lavorato a Melbourne, dove ha approfondito gli studi, iniziato la carriera di Sommelier e conquistato il titolo di Best Ssommelier of Australia nel 2017. Rientrato in Italia all’inizio di quest’anno, attualmente è sommelier presso Alexander il gusto antico di Cortina d’Ampezzo. 

Nelle semifinali di domenica 13 ottobre, Cianca si è distinto tra i 7 sommelier professionisti candidati al titolo, accedendo alle finali di lunedì 14, all’istituto alberghiero Carlo Porta, con Salvatore Castano, sommelier al ristorante Annabel's di Londra, e Michele Fazari, sommelier al Four Seasons Hotel at Ten Trinity Square, Londra. 

I candidati si sono sfidati nelle prove classiche e a sorpresa ideate da Aspi per testarne la competenza e la preparazione tecnica, la capacità di decidere in tempi brevi e la destrezza di esecuzione. A decretare il vincitore è stata una giuria internazionale, composta dal presidente Aspi Giuseppe Vaccarini e dai presidenti delle associazioni di sommellerie europee, dai vincitori delle scorse edizioni del concorso e dai giornalisti del settore, con la partecipazione di William Wouters, presidente dell'associazione sommelier del Belgio, e di Franko Lukez, presidente dei sommelier di Croazia, in rappresentanza dell’Asi. 

"A nome di tutti i membri della nostra associazione - commenta Giuseppe Vaccarini, presidente di Aspi - mi congratulo con Mattia Antonio Cianca, che ha saputo dimostrare di avere non solo grandi capacità e conoscenze, ma anche quelle qualità personali che caratterizzano solo i migliori professionisti. I nostri complimenti vanno anche agli altri 6 candidati di questa edizione del concorso, tutti sommelier di grande talento e competenza, che ben rappresentano l’alto livello raggiunto dalla sommellerie professionale italiana". 

Inoltre, è stato assegnato a Salvatore Castano, 29 anni, di Giardini Naxos (Taormina), sommelier all’Annabel's di Londra, il 'Premio Fondazione Birra Moretti per la valorizzazione della birra a tavola', per aver mostrato la conoscenza più approfondita della birra e la capacità di servirla e abbinarla al meglio.  

Alfredo Pratolongo, presidente di Fondazione Birra Moretti, ha commentato: "La birra è uno degli elementi più distintivi dell’evoluzione della figura del sommelier. In passato questa bevanda è stata trascurata, ma oggi diversi sommelier hanno iniziato a creare percorsi dell'abbinamento nei quali le birre vengono proposte accanto al vino per valorizzare al meglio piatti e sapori innovativi o riscoprire specialità della nostra tradizione".  

"Dietro alla somministrazione di una birra al bar o al ristorante - ha sottolineato Pratolongo - c’è un professionista in grado di valorizzare il prodotto al massimo delle sue potenzialità, che sa raccontarlo al cliente, consigliarne gli abbinamenti, pianificare l’acquisto degli stock. In un momento in cui cresce la curiosità anche per le birre speciali, il sommelier è il tramite ideale per trasmettere la cultura della birra ai clienti, guidandoli verso scelte più informate e quindi migliori, nel segno di un consumo di birra legato alla qualità e al piacere della tavola". 

Un ringraziamento speciale da Aspi, infine, è dedicato alle eccellenze del beverage, della ristorazione e dell’ospitalità, che in qualità di partner collaborano alle numerose iniziative dell'Associazione della sommellerie professionale italiana in Italia e all’estero: Campari Group, Euro-Toques, Fondazione Birra Moretti, Fresh, Le Soste, Nespresso, Champagne J.H. Quenardel, Rastal, Relais & Châteaux, S.Pellegrino e Acqua Panna, Tenuta Mara.