I maturandi sono ancora poco preparati sullo svolgimento dell'esame

esame di maturità linee guida

Manca poco più di un giorno all’inizio dell’esame di maturità e diversi studenti non hanno ancora ben chiare le linee guida contenute nel documento stilato dal comitato tecnico-scientifico per il Ministero. I troppi cambiamenti di decisioni che si sono susseguiti nei mesi dell’emergenza coronavirus hanno infatti mandato in confusione i maturandi che a poche ore dall’orale sono ancora dubbiosi su come comportarsi.

Linee guida per l’esame di maturità

A dimostrarlo vi è un sondaggio effettuato su un campione di 5.000 alunni nell’ambito della campagna “Maturità al sicuro” che la Polizia di Stato porta avanti da tredici anni insieme a Skuola.net. I risultati della rilevazione mostrano come circa il 25% degli intervistati pensa che dovrà indossare la mascherina per tutta la durata del colloquio. Il protocollo di sicurezza prevede invece che la possa abbassare se può mantenersi a distanza di almeno 2 metri dalla commissione.

Il 21% pensa poi che sarà costretto a recarsi a scuola da solo senza alcun accompagnatore che assista l’esame. Gli esperti hanno però precisato che i candidati avranno la possibilità di essere accompagnati da una persona. Quanto invece all’accesso a scuola, previsto senza misurazione della temperatura ma con un’autodichiarazione che certifichi l’assenza di sintomi, sono 1 su 3 gli studenti che conoscono bene la procedura.

La maggioranza, pari al 46%, pensa che all’entrata ci sarà qualcuno a misurare la propria temperatura mentre il 19% è convinto che non ci sarà alcun controllo in tal senso. Solo 1 alunno su 2 sa poi che non bisognerà indossare i guanti ma soltanto igienizzarsi le mani con i disinfettanti messi a disposizione dalla scuola.

L’unico punto davvero chiaro è quello della durata dell’esame e del momento in cui ci si dovrà presentare all’istituto: quasi tutti (il 92%) sanno che potranno arrivare circa 15 minuti prima del proprio colloquio e che dovranno andare via immediatamente finita la prova. Ci sono però ancora troppi studenti che pensano che si possa sostenere l’esame online e non in presenza previa richiesta alla scuola (sono quasi il 10%). Questa eventualità sarà possibile solo per comprovate necessità, norma fortunatamente a conoscenza del 76% del campione.